21Borisov

L’astronomia ha avuto una nuova scossa in questi giorni con una nuova immagine di un visitatore interstellare che stupisce gli scienziati e starebbe avvicinandosi alla Terra.
Gli astronomi della Yale University nel Connecticut hanno fotografato la cometa 2I/Borisov usando l’Osservatorio Keck alle Hawaii.

Sono riusciti a catturare una nuova immagine che offre una visione più ravvicinata del visitatore interstellare che è stato scoperto lo scorso 30 agosto dall’astronomo dilettante Gennadiy Borisov, all’Osservatorio Margo, Nauchnyy, in Crimea usando il suo telescopio da 0,65 mm, trasformandosi così nel secondo oggetto esterno al nostro Sistema Solare ad essere stato registrato, dopo Oumuamua.

 

Uno strano viaggiatore interstellare

Secondo quanto teorizzano i ricercatori, la cometa si è formata in un altro sistema solare e ha raggiunto lo spazio interstellare a causa di una collisione nel suo sistema solare originale. Pieter van Dokkum, Cheng-Han Hsieh, Shany Danieli e Gregory Laughlin sono gli astronomi che hanno catturato l’immagine domenica 24 novembre.

Borisov ha una coda di quasi 160.000 chilometri. Ovvero circa 14 volte il diametro della Terra. È incoraggiante rendersi conto di quanto sia piccolo il nostro pianeta accanto a questo visitatore di un altro sistema solare“, ha spiegato van Dokkum. D’altra parte, Laughlin ha indicato che la cometa evapora man mano che si avvicina alla Terra, espellendo così una coda di gas e polvere. Secondo l’esperto, potrebbe raggiungere il suo approccio più vicino al Sole all’inizio di questo mese di dicembre.

L’astronomo ha riferito che, grazie a questa scoperta, i ricercatori stanno “scoprendo informazioni sui pianeti al di fuori del nostro sistema solare“, riferisce lo studioso. Nel suo follow-up, il team che coopera con l’esperto ha rivelato due immagini di questa incredibile scoperta: una in cui appare solo la cometa 21/Borisov e un’altra in cui la cometa è mostrata vicino alla Terra. 

L’analisi della velocità e della traiettoria dell’oggetto ha rivelato che è entrato nel nostro sistema solare da lontano. Gli scienziati ritengono che la cometa si sia formata in un sistema noto come Kruger 60, che si trova nella costellazione di Cefeo, e che sia stata espulsa nello spazio interstellare a seguito di una collisione vicina con un pianeta.

Quando ha iniziato a reagire all’effetto di riscaldamento a causa della sua vicinanza al Sole, 2I/Borisov ha acquisito un aspetto “spettrale”, hanno osservato gli astronomi.

 

Una cometa “spettrale”

Mentre la coda di Borisov eclissa il suo corpo, i ricercatori pensano che il nucleo della cometa abbia un diametro di solo 1,6 km. Questo è il secondo intruso interstellare noto dopo il misterioso corpo Oumuamua, scoperto per la prima volta nell’ottobre 2017.

A quel tempo, gli astronomi non videro Oumuamua fino a quando la Terra non si era già fatta strada verso il sistema solare esterno, il che impediva di generare uno studio più dettagliato dell’oggetto e si ipotizzava persino ad Harvard che potesse essere un veicolo spaziale extraterrestre.

Ma la cometa Borisov è un obiettivo più “amichevole”, poiché è ancora nel sistema solare, con il perielio (approccio più vicino al Sole e alla terra) datato 8 dicembre. Ciò genererà l’opportunità di essere osservati più in dettaglio dai grandi telescopi terrestri.

 

Borisov è la punta dell’iceberg

Gli astronomi stanno approfittando della visita di Borisov, usando telescopi come Keck per ottenere informazioni sui mattoni dei pianeti in sistemi diversi dai nostri“, ha detto il professore di astronomia Yale Greg Laughlin.

Persino i fan potrebbero osservare Borisov nelle prossime settimane, anche se probabilmente avranno bisogno di una strumentazione abbastanza sofisticata per farlo. Per la comunità internazionale di astronomi, le comete Oumuamua e Borisov sono probabilmente la punta dell’iceberg interstellare. Pensano che ci siano molti altri visitatori che navigano nel nostro sistema solare senza essere rilevati.