vulcano-tsunami

Il vulcano indonesiano Anak Krakatoa si è formato a causa di uno dei più mortali disastri vulcanici nella storia moderna. L’anno scorso era vicino a innescare qualcosa di simile. Nel 2018, quando Anak Krakatoa è scoppiato violentemente, il suo interno è improvvisamente crollato, innescando uno tsunami che ha ucciso oltre 400 persone nelle isole di Sumatra e Java.

Quando le onde raggiunsero la civiltà, circa un’ora dopo il crollo, il “muro” dell’acqua era alto più di dieci metri. Tuttavia, i ricercatori dell’Università di Tokyo e della Brunel University di Londra affermano che questa era solo una piccola parte del suo antico splendore.

Sulla base dei dati sul livello del mare provenienti da cinque località intorno ad Anak Krakatoa, i ricercatori hanno creato una simulazione al computer dello tsunami e dei suoi movimenti in 12 diversi scenari. I risultati indicano che l’onda iniziale aveva la forma di una gobba pura o di un’elevazione.

 

Un muro di acqua

Secondo le stime, al suo apice, lo tsunami era alto tra i 100 e i 150 metri, vale a dire, più alto della Statua della Libertà a New York. Questo potente specchio d’acqua produrrebbe energia simile a un terremoto di grado 6.0 o 6.1 della scala Richter.

Ma mentre queste enormi onde attraversavano l’oceano, come increspature in un lago, gradualmente sono scemate a causa della gravità e dell’attrito fino a quando, a circa 80 metri, hanno raggiunto finalmente la terra. “Fortunatamente, nessuno viveva su quell’isola“, ha dichiarato Mohammad Heidarzadeh, ingegnere civile dell’Università di Brunel. “Tuttavia, se ci fosse una comunità costiera vicino al vulcano – entro cinque chilometri – l’altezza dello tsunami sarebbe compresa tra 50 e 70 metri se raggiungesse la costa“.

Se ciò fosse accaduto, i risultati sarebbero stati catastrofici. Nel 1883, l’eruzione di Krakatoa, avvenuta nello stesso sito, scatenò un enorme tsunami che uccise circa 36.000 persone. Al suo apice, lo tsunami era alto 42 metri e le isole colpite erano molto meno popolate di oggi.

Quindi, secondo lo studio che sarà pubblicato a gennaio sulla rivista Ocean Engineering, se lo tsunami di Anak Krakatoa avesse viaggiato in un’altra direzione, avrebbe potuto essere uno dei peggiori disastri naturali dei nostri tempi. La devastazione di questo vulcano è un promemoria di ciò che può accadere nel caso peggiore.