Uno squalo fossile di 91 milioni di anni, recentemente chiamato Cretodus houghtonorum e scoperto in Kansas, si unisce a un elenco di grandi animali dell’età dei dinosauri.

Conservato nei sedimenti depositati in un antico oceano chiamato Western Interior Seaway – che copriva il Nord America centrale durante il tardo Cretaceo (da 144 milioni a 66 milioni di anni fa) -, il Cretodus houghtonorum era un impressionante squalo lungo circa cinque metri. Lo conferma un nuovo studio che appare su Journal of Vertebrate Paleontology.

 

La scoperta

Lo squalo fossile è stato scoperto grazie a degli scavi nel 2010 in un ranch. Il merito è di un team di ricercatori guidati da Kenshu Shimada, professore di paleobiologia presso la DePaul University di Chicago, e Michael Everhart, entrambi ricercatori associati al Sternberg Museum of Natural History, Fort Hays State University. Il nome della specie Houghtonorum è stato coniato in onore di Keith e Deborah Houghton, i proprietari terrieri che hanno donato l’esemplare al museo della scienza.

Sebbene sia uno scheletro in gran parte disarticolato e incompleto, rappresenta il miglior esemplare di Cretodus scoperto in Nord America, secondo Shimada. La scoperta consiste di 134 denti, 61 vertebre, 23 squame placoidi e frammenti di cartilagine calcificata che, una volta analizzati dagli scienziati, hanno fornito una grande quantità di informazioni biologiche sullo squalo estinto. Oltre alle sue dimensioni corporee stimate, i dati anatomici suggerivano che fosse uno squalo abbastanza lento, apparteneva ad una specie chiamata Lamniformes che include i grandi squali tigre bianchi e sabbia moderni come cugini lontani, e aveva un modello dentale abbastanza diverso per uno squalo lamniforme.

Gran parte di ciò che sappiamo sugli squali estinti si basa su denti isolati, ma un campione che rappresenta un singolo squalo come quello che descriviamo fornisce una grande quantità di informazioni anatomiche che, a loro volta, offrono una migliore comprensione del loro ecologia“, ha detto Shimada, l’autore principale dello studio. In quanto importanti componenti ecologiche negli ecosistemi marini, la comprensione degli squali nel passato e nel presente è essenziale per valutare i ruoli che hanno svolto nel loro ambiente e biodiversità nel tempo e, cosa ancora più importante, in che modo possono influenzare il futuro ecosistema marino se si estinguono“, ha detto.

Durante lo scavo, Shimada ed Everhart credevano di avere scoperto un esemplare di Cretodus crassidens, una specie originariamente descritta in Inghilterra e, in seguito, comunemente riportata dal Nord America. Tuttavia, non un singolo dente corrispondeva alla forma del dente del campione originale Cretodus crassidens o di qualsiasi altra specie nota di CretodusÈ stato allora che ci siamo resi conto che quasi tutti i denti nordamericani precedentemente segnalati come Cretodus crassidens appartengono a una specie diversa nuova per la scienza“, ha detto.

Il modello di crescita dello squalo, calibrato dagli anelli di crescita vertebrale osservati, indica che lo squalo avrebbe potuto raggiungere teoricamente fino a circa 6,8 metriCiò che è più eccitante è la sua grande dimensione inferita alla nascita, di quasi 1,2 metri, il che suggerisce che il comportamento cannibale per l’allevamento di embrioni comunemente osservato all’interno dell’utero delle moderne lamiformi femminili dovrebbe essersi già evoluto alla fine del Late Cretaceous“, ha aggiunto Shimada.