È comune avere l’impressione che Google sia una specie di oracolo di Internet, con le risposte corrette per tutte le ricerche. Ma non è così: il motore di ricerca dell’azienda può intromettersi anche se ci sono pagine su Internet con un buon materiale per soddisfare le esigenze degli utenti. Parte di questo problema si verifica perché il sistema non capisce sempre cosa cercare. Ecco perché Google ha annunciato l’implementazione di una nuova intelligenza artificiale per aiutare il suo motore di ricerca. Secondo il gigante di Mountain View, il sistema apporterà il più grande cambiamento nei suoi algoritmi di ricerca negli prossimi cinque anni.

 

Bidirectional Encoder Representations from Transformers

Chiamato Bidirectional Encoder Representations from Transformers (Bert), il nuovo sistema è un’intelligenza artificiale che cerca di comprendere meglio il significato delle parole e il loro contesto all’interno di una frase. Questo è importante perché gli utenti non sempre formulano ricerche già note dal sistema dell’azienda – secondo la società, il 15% delle ricerche effettuate in un giorno porta una formulazione inedita.

Fino all’implementazione di Bert, Google ha compreso ogni parola in sequenza, come se fosse una coda. Per ricerche come “banca quadrata” e “conto bancario”, il vecchio sistema avrebbe “letto” l’ultima parola per restituire i risultati migliori. Inoltre, la parola “banca” era intesa dal sistema come esattamente la stessa, anche se aveva significati diversi.

 

Come funziona

Con Bert, i termini “quadrato” e “conto” creano il contesto necessario per ogni ricerca: il nuovo sistema può cercare automaticamente ogni parola. Per essere addestrato, Google ha alimentato il sistema con migliaia di articoli e libri di diversi generi. L’idea era di nascondere alcune parole a ciascun paragrafo e consentire al sistema di indovinare ciò che mancava.

Nel processo di calibrazione e formazione, Bert ha sviluppato la capacità di comprendere la costruzione di frasi, il che consente al sistema di essere più preciso quando l’utente utilizza il motore di ricerca per illuminare il percorso delle proprie conoscenze. Nel 2018 l’algoritmo è stato presentato agli specialisti del settore e, a partire da questa settimana, lavorerà in 70 lingue diverse

In questo modo, anche le preposizioni, le congiunzioni e altri elementi del linguaggio apparentemente non necessari acquisiscono importanza. La ricerca delle sole parole chiave, come molte persone si sono abituate a fare, potrebbe non essere più la migliore strategia di ricerca da ora in poi. 

Oltre ad adottare un nuovo algoritmo, Google renderà anche disponibili diversi dispositivi per la ricerca. Secondo la società, questa sarà la prima volta che posizionerà supercomputer dotati di chip di elaborazione dell’intelligenza artificiale (TPU) per calcolare e fornire risultati di ricerca.

Bert fa anche parte di uno sforzo maggiore da parte di scienziati e ricercatori di intelligenza artificiale per consentire alle macchine di comprendere meglio il modo in cui gli esseri umani comunicano, un’area della tecnologia chiamata elaborazione del linguaggio naturale. Ciò dovrebbe diventare più importante con la diffusione di assistenti vocali come Google Assistant e Alexa di Amazon. L’idea è che gli umani non hanno più bisogno di “parlare come robot” quando hanno bisogno dell’aiuto delle macchine. Al contrario, sono i computer che dovrebbero essere “più umani”, che aiutano a ridurre le barriere all’interazione e guidare l’adozione di questi sistemi.