Rapa Nui o Isola di Pasqua ospita gli enigmatici Moai, monoliti di pietra che osservano il paesaggio dell’isola da centinaia di anni. La loro esistenza è una meraviglia e il loro significato un mistero. Gli ex “scultori” di Rapa Nui hanno lavorato su richiesta dell’élite per scolpire quasi 1.000 Moai perché la comunità credeva che le statue potessero produrre fertilità agricola e, quindi, forniture alimentari essenziali. Lo afferma un nuovo studio di Jo Anne Van Tilburg, direttore del Progetto Statua dell’Isola di Pasqua, pubblicato a novembre sul Journal of Archaeological Science.

Van Tilburg e il suo team, che hanno lavorato con la geo-archeologa ed esperta di suolo Sarah Sherwood, ritengono di aver trovato prove scientifiche di questo ignoto ipotetico significato, grazie allo studio di due Moai portati alla luce più di cinque anni fa nella cava di Rano Raraku sul lato est del Paese.

 

La ricerca

L’analisi più recente di Van Tilburg si è concentrata su due dei monoliti nella cava interna di Rano Raraku, che è la fonte del 95% degli oltre 1.000 Moai dell’isola. Test di laboratorio su campioni di terreno nella stessa area mostrano prove di alimenti come banane e patate dolci. La ricercatrice ha dichiarato che l’analisi ha dimostrato che, oltre a servire come cava e sito di sculture per statue, Rano Raraku era anche il sito di un’area agricola produttiva.

I terreni di Rano Raraku sono i più ricchi dell’isola, secondo Sherwood. Insieme a una fonte di acqua dolce, sembra che l’estrazione abbia contribuito ad aumentare la fertilità del suolo e la produzione di cibo nelle immediate vicinanze. I terreni della cava sono ricchi di argilla creata dall’usura del tufo lapilli – la roccia locale – mentre gli operai estraggono le rocce più profonde e scolpiscono il Moai.

Secondo Sherwood, le antiche popolazioni indigene di Rapa Nui erano molto intuitive su cosa coltivare piantando più colture nella stessa area, il che può aiutare a mantenere la fertilità del suolo. “Questo studio modifica radicalmente l’idea che tutte le statue in piedi a Rano Raraku stessero semplicemente aspettando il trasporto fuori dalla cava“, ha detto Van Tilburg. “Questi e probabilmente altri Moai eretti a Rano Raraku furono scolpiti per garantire la sacra natura della cava stessa. I Moai erano al centro dell’idea di fertilità e la loro presenza qui ha stimolato la produzione di cibo agricolo”.

Si stima che le statue di cava siano state costruite dal 1510 al 1645. L’attività in questa parte della cava probabilmente iniziò nel 1455. La maggior parte della produzione di Moai cessò nei primi anni del 1700 a causa del contatto occidentale. Questo è il primo studio che rivela la cava come un paesaggio complesso e collega la fertilità del suolo, l’agricoltura, la cava e la natura sacra del Moai.

 

Rapa Nui

Situata in Cile, l’Isola di Pasqua è uno dei luoghi più misteriosi del nostro pianeta. Duemila anni fa, fu sede di una civiltà polinesiana che lasciò sull’isola un gran numero di giganteschi resti di moai che gli scienziati ritengono possano personalizzare gli antenati degli ex residenti della regione.

La civiltà praticamente è scomparsa dall’isola prima dell’arrivo dei primi coloni. Da allora, la sua scomparsa ha portato a dubbi, ma secondo le teorie più ampiamente accettate dalla comunità scientifica, la sua estinzione potrebbe essere correlata alla mancanza di risorse o guerre tra i gruppi.

Ad agosto, il governo cileno ha annunciato che avrebbe dovuto rinominare l’Isola di Pasqua, soprannominata Rapa Nui Island, che significa “Big Island” ed è il suo nome ancestrale. L’isola di Pasqua fu il nome dato dall’esploratore olandese Jakob Roggeveen (1659-1729) – ufficialmente il primo europeo a mettere piede sull’isola – che, quando arrivò nella regione la domenica di Pasqua, decise di darle quel nome.

Nel 1995, l’UNESCO ha designato l’Isola di Pasqua come patrimonio dell’umanità.