romani

In Israele, è stato scoperto un sito di epoca romana e bizantina risalente a 2000 anni fa, con spazi industriali dove c’erano mulini e strutture “raramente scoperte” nel Mediterraneo orientale dove veniva prodotta la salsa di pesce, un prodotto popolare tra i romani. “Molto prima che la pasta e la pizza, l’antica dieta romana era basata principalmente sul salsa di pesce“, ha detto l’archeologa Tali Erickson-Gini, dell’Israel Antiquities Authority.

Secondo il ricercatore, la salsa di pesce era, in particolare, un “condimento di base per il cibo in tutto il bacino del Mediterraneo” in epoca romana e bizantina.

I vasi di terracotta in cui questa salsa veniva conservata si chiamava garum, e veniva prodotta fermentando il pesce azzurro – acciughe, sardine o sgombri – con salamoia concentrata ed erbe aromatiche. Questi vasi sono tra i “pochi conosciuti” in questa zona e sono stati scoperti in uno scavo di mesi fuori Ashkelon, una città israeliana vicino alla Striscia Palestinese di Gaza.

L’elaborazione del garum veniva eseguita lontano dalle aree urbane, poiché generava odori molto forti. In effetti, il sito “è stato trovato a circa due chilometri dall’antica città di Ashkelon“, che era un centro urbano sviluppato con un porto importante. “Questa è una scoperta rara nella regione“, ha affermato Erickson-Gini, assicurando ulteriormente che “il gusto romano si è diffuso in tutto l’impero” e non si limita agli abiti o alle tendenze estetiche, inclusa l’adozione di abitudini alimentari.

 

Un sito in cui si produceva il vino

Il sito romano fu infine abbandonato, ma riacquistarono buone condizioni per la viticoltura nel periodo bizantino. Una comunità cristiana monastica si guadagnò da vivere nello stesso posto con la produzione di vino nel V secolo, a testimonianza di ciò sono tre antiche cantine trovate vicino a una chiesa.

Poco sopravvisse dal tempio, sebbene i frammenti trovati mostrino che era decorato con elaborati marmi e mosaici. Nelle vicinanze c’erano forni per la produzione di vasetti di vino, il che sembra indicare che il monastero fosse dedicato alla sua esportazione, che era la sua principale fonte di reddito. Il sito “fu nuovamente abbandonato qualche volta dopo la conquista islamica della regione nel settimo secolo“.

Probabilmente in seguito le famiglie nomadi si insediarono in tende e “smantellarono le strutture e vendettero le loro varie parti come materiale da costruzione“, conclude Erickson-Gini.