castelli-turchia

Immagina di poter vivere in un posto dove tutte le case sono come repliche dei castelli di film Disney. Sogno degno di una principessa? Bene, in Turchia, era esattamente ciò che Burj Al Babas ha proposto: un condominio di lusso la cui costruzione è stata interrotta a novembre 2018. Il motivo? La società fallì.

Tutto è iniziato nel 2014. All’epoca, Sarot Group, una società di costruzioni, ha deciso di avviare un’impresa di fascia alta per la nazione, insieme ad altri Paesi del Medio Oriente. Il resort, che ospitava palazzi, piscine, un centro commerciale e una moschea, iniziò a essere costruito in una zona collinare a 250 chilometri a est di Istanbul.

Complessivamente, il complesso sarebbe costato circa 200 milioni di dollari. Le 732 case sono ispirate ai castelli: le case di campagna dell’antica nobiltà francese, i cui palazzi sono diventati luoghi famosi – e che sono stati una chiara ispirazione per le fiabe europee.

L’angolo turco, quindi, era pieno di facciate decorate e il progetto ha aggiunto anche piccole torri alle case. Il design degli interni di ogni “cottage” sarebbe andato incontro al gusto dell’acquirente. Il prezzo, secondo Bloomberg, era compreso tra i 370.000 e i 530.000 dollari. 

In totale sono state costruite 587 ville e 350 di esse erano già state acquistate da acquirenti provenienti da Qatar, Bahrain, Kuwait, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita.

View this post on Instagram

Burj al babas. +905307638242

A post shared by Burj Al Babas (@burjalbabasthermalresort) on

 

Fallimento

Ma quando il Gruppo Sarot ha costruito il suo paradiso fantastico, ha accumulato un debito di 27 milioni di dollari – secondo il presidente della società, Mehmet Emin Yerdelen – perché la maggior parte delle persone benestanti stava ritardando i pagamenti in eccesso e il denaro è stato investito per finire le opere.

Sarot è andato in tribunale chiedendo protezione per negoziare il debito con i suoi creditori e riprendere le vendite di alloggi. Ci vorrebbero 100 castelli per far uscire la società dal rosso, secondo i calcoli ottimistici del presidente. Ma la decisione non è stata favorevole: hanno guadagnato solo 3 mesi per risolvere il problema e non sono riusciti comunque nell’intento.

View this post on Instagram

Burj Al Babas Thermal Resort

A post shared by Burj Al Babas (@burjalbabasthermalresort) on

L’ondata di problemi dell’impresa si aggiunge anche alla tremenda impressione che il condominio ha lasciato ai residenti circostanti. Da alcuni viene addirittura definito un “villaggio grottesco“. Tutto perché il quartiere Mudurnu ha già il suo stile di costruzione – l’architettura è tipicamente ottomana. La disputa non è solo estetica (ovviamente): riempie le tasche dei residenti. Essere un luogo che preserva l’antica architettura dell’Impero ottomano ha dato a Mudurnu la possibilità di candidarsi per il patrimonio mondiale dell’UNESCO, il che attirerebbe naturalmente i turisti nella regione e guidare l’economia locale.

La paura dei residenti di perdere la loro “essenza” ottomana (e il denaro dei viaggiatori in cerca di architettura esotica per le loro foto su Instagram) ha aggiunto problemi ambientali. La società di costruzioni è stata accusata di abbattimento illegale di alberi per la costruzione del condominio in stile Disney e per lo scarico di terreni da opere forestali.

Nonostante i problemi, l’ultimo discorso di Yellen ha ancora affermato molto ottimisticamente che tutto può essere risolto nei prossimi cinque mesi e che presto le persone saranno in grado di trasferirsi a Burj, che per il momento sembra più uno scenario di un film horror (o un parco di divertimenti infestato).

https://youtu.be/LzGqIRGAEUI