lupus

Uno studio clinico su un farmaco chiamato anifrolumab può dare la prima speranza in 50 anni per i pazienti con diagnosi di lupus. Il Lupus è una malattia autoimmune potenzialmente mortale, che colpisce circa cinque milioni di persone in tutto il mondo, e non si è ancora causa conosciuta o cura. Ora, uno studio clinico internazionale sta fornendo la prima vera speranza alle persone con questa malattia in 50 anni.

Lo studio di fase 3, chiamato TULIP-2, ha testato un farmaco chiamato anifrolumab su una selezione casuale di 180 persone con lupus, dando loro 300 milligrammi ogni quattro settimane per 48 settimane. Allo stesso tempo, è stato somministrato un placebo a 182 partecipanti che hanno anche la malattia.

Gli autori dello studio, ora pubblicato sul New England Journal of Medicine, affermano che questa sostanza ha prodotto una riduzione statisticamente e clinicamente significativa della malattia. 

 

La ricerca

Dopo 52 settimane, il farmaco non solo riduceva l’attività autoimmune negli organi rilevanti di molti dei pazienti trattati, ma riduceva anche il tasso di epidemie – tra cui febbre, dolori articolari, affaticamento ed eruzione cutanea – e diminuiva la necessità di steroidi.

Anche quando non è stato trovato alcun virus, studi recenti dimostrano che la stragrande maggioranza dei pazienti con lupus produce interferone di tipo 1 in eccesso, una proteina immunitaria legata allo sviluppo dei globuli bianchi. I tentativi precedenti di bloccare questa proteina sono falliti, ma anifrolumab blocca i recettori di questa proteina e non la molecola stessa.

Finora, questa sostanza è stata testata in tre studi clinici e i risultati di cinque dei sei risultati hanno favorito il farmaco rispetto al placebo. Data la disperata necessità di cure, molte persone affetti da questa malattia chiedono di prendere in considerazione studi che consentano una maggiore flessibilità nella definizione del successo.

E sì, sono necessarie ulteriori ricerche per vedere se i benefici di anifrolumab superano i suoi effetti collaterali a lungo termine. Alcuni pazienti che assumono il farmaco hanno un rischio maggiore di bronchite e infezione respiratoria e i rischi oltre le 52 settimane non sono chiari.