sole-spazio

Perché nel vuoto il Sole non ha nulla da illuminare. Per spiegare il fenomeno, immagina che invece della luce, la stella emetta palline. Questa immaginazione non è così lontana dalla realtà, poiché la luce visibile e tutte le altre forme di radiazione elettromagnetica sono composte da fotoni, particelle del modello standard.

Il tuo occhio vede cose solo quando queste sfere entrano nella pupilla e raggiungono la retina, attivando le cellule dei fotorecettori (coni e bastoncelli) che esistono nella parte inferiore del bulbo oculare. Se sei un astronauta nello spazio aperto, guardando il Sole – non farlo – evidentemente sta emettendo palline in tutte le direzioni. Ma vedrai solo le palline che ti “entrano” negli occhi. Le palline che emette su, giù o lateralmente non saranno visibili.

 

Laddove lo spazio è… nero!

Ora cambia la situazione. Immagina di essere in una stanza buia e accendi la luce. Ci sono ancora fotoni che viaggiano direttamente dalla plafoniera ai tuoi occhi. Ma ci sono anche fotoni che colpiscono il muro e solo allora raggiungono la tua vista. Fotoni che riflettono sugli oggetti e vengono da te. Fotoni che si riflettono su sè stessi e, quindi, penetrano nella pupilla. Poiché la stanza è rivestita di superfici, si illumina completamente mentre le cose al suo interno diffondono i raggi di luce che li colpiscono.

Nello spazio, gli unici oggetti sono i pianeti e, in realtà, sono illuminati dal Sole. Ecco perché siamo in grado di osservarli qui dalla Terra: riflettono la luce della stella verso di noi. Ma il vuoto non è qualcosa che riflette la luce verso di noi.