In questo nuovo anno gli appassionati di astronomia potranno rifarsi delle delusioni dell’anno passato. Questo infatti sarà l’anno che vede il riscatto di Marte e delle stelle cadenti. Quest’anno infatti l’affascinante spettacolo delle piogge di meteore, non sarà disturbato dalla prepotente Luna piena, che con il suo bagliore rischiara la notte, ma oscura le stelle, anche quelle che cadono.

 

Stelle cadenti sin da subito, pronti per il 4 gennaio?

E si inizierà subito con lo sciame delle Quadrantidi, il cui picco massimo si verificherà nella notte tra il 3 ed il 4 gennaio e l’orario migliore sarà quello a ridosso dell’alba del 4 gennaio. Non si tratta certo di uno degli sciami meteorici più spettacolari, ma è comunque un buon modo per iniziare l’anno, magari con qualche desiderio.

Ma si sa che in fondo il momento che tutti noi attendiamo è la pioggia di lacrime cosmiche della notte di San Lorenzo. E come sappiamo altrettanto ben, il picco massimo di questo sciame, ovvero quello delle Perseidi, non cade quasi mai nella notte di San Lorenzo, il 10 agosto. Anche quest’anno sarà così, per ammirarle nel loro splendore massimo, con quasi 100 passaggi all’ora, il momento migliore sarà la notte del 12 agosto.

La luna non disturberà questo momento magico poiché tramonterà presto. Mentre il nostro satellite non si farà vedere affatto il 14 dicembre, notte in cui ci sarà il passaggio delle Geminidi, che chiuderanno questo anno favoloso per le stelle cadenti.

 

Marte quest’anno si mostrerà in tutto il suo splendore

Anche Marte quest’anno sarà particolarmente benevolo. In opposizione il 13 ottobre del 2020, sarà allineato fra Terra e Sole e dunque particolarmente luminoso. Il 5 Aprile invece sarà il momento di Venere, che si troverà in congiunzione con le Pleiadi. Mentre il 17 dicembre Giove e Saturno saranno in allineamento con la Luna e poi in congiunzione tra di loro il 21 dicembre.