energia solare

Le industrie nascenti nell’ambito delle energie rinnovabili, come l’energia solare, spesso sono oggetto di grandi progetti di revisione strategica, che le aziende adattano man mano a come si evolve la sensibilità attorno a quel determinato problema e come si allargano le conoscenze scientifiche che coinvolgono il settore. Una delle più importanti decisioni che le aziende devono prendere riguarda la loro specializzazione in un determinato segmento del mercato (il cosiddetto fenomeno dell’ “integrazione orizzontale“) oppure se andare ad  allargarsi “verticalmente“, cioè assorbire più imprese utili a garantire l’approvvigionamento.

 

Il settore dell’energia solare e in continuo fermento e sempre più imprese se ne stanno accorgendo

I principali attori che agiscono nel settore dell’energia solare hanno trascorso la maggior parte del periodo tra il 2000 e il 2017 cercando di integrarsi verticalmente. Produttori come First Solar, SunPower e Canadian Solar si sono concentrati sulla produzione di pannelli, sullo sviluppo di progetti su scala pubblica e hanno persino cercato di finanziare progetti di impianti solari in grado di funzionare e sostenersi più a lungo termine. Tuttavia, il modello di integrazione verticale sembra essere destinato ad essere accantonato e la specializzazione nel settore dell’energia solare potrebbe essere il futuro. Le implicazioni per gli investitori sono notevoli, se osservate da una prospettiva strategica.

energia solare

Per quanto riguarda la First Solar e la SunPower ci sarebbero alcune considerazioni da fare, in particolare riguardo la prima: si tratta di uno dei maggiori produttori di energia solare al mondo e produce degli avanzatissimi pannelli solari, estremamente sottili ed efficienti. Tre anni fa, la società ha iniziato a costruire pannelli, a sviluppare impianti e a finanziarne altri grazie ai proventi. First Solar è quindi la società maggiormente integrata “verticalmente” per quanto riguarda la fornitura di energia solare.

 

Lo schema dell’integrazione verticale potrebbe essere presto soppiantato: ecco alcuni esempi

Da diversi anni a questa parte, però, First Solar ha iniziato a ridurre la sua attività e nel settembre 2019, la società ha annunciato un ulteriore ridimensionamento, decidendo di rivolgersi a società terze nello sviluppo degli impianti. Oggi, First Solar è perlopiù un produttore di pannelli solari e ha quasi rinunciato al modello di integrazione verticale.

energia solare

La seconda società, SunPower, era un produttore di energia solare che in qualche modo cercava di integrarsi sia verticalmente che orizzontalmente. Il suo punto di forza era un pannello solare ad alta efficienza che un tempo veniva utilizzato quasi per tutto, dai progetti su scala privata ad alcuni dei più grandi progetti solari al mondo. SunPower ha sviluppato progetti residenziali e commerciali, compiendo una vera rivoluzione energetica.

 

Il trend sembra essere percepito anche da altri imprenditori, che si stanno avviando verso una rivoluzione di questo business

I cambiamenti sono iniziati quando SunPower e First Solar hanno stretto una partnership con 8point3 Energy Partners. Non appena SunPower ha cambiato strategia e ha perso l’esclusiva sui propri pannelli solari ad alta efficienza, ha annullato il processo di l’integrazione verticale. La società ha poi recentemente annunciato una scissione in due società quotate in borsa: la Maxeon Solar Technologies e SunPower. Le due società saranno collegate da accordi di fornitura ma saranno indipendenti, annullando il programma di integrazione verticale dell’azienda madre.

energia solare

In questo settore, risulta quindi evidente una tendenza all’integrazione verticale. Comprendere il modo in cui questo settore sta cambiando e dove le aziende andranno a collocarsi nel relativo mercato sono elementi di fondamentale importanza prima di tutto per gli investitori. Nel caso dell’energia solare, le aziende che non hanno preferito un piano strategico teso alla specializzazione in determinati segmenti del mercato hanno avuto notevole successo negli ultimi anni e ora, dati alla mano, sembra che l’intero settore stia seguendo il loro esempio.