aerei

Per arrivare alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, la COP25, la popolare attivista climatica Greta Thunberg ha rifiutato di viaggiare in aereo. Naturalmente, questa è una misura drastica in un contesto storico in cui più veloce è, meglio è. Tuttavia, gli aeroplani sono una fonte di inquinamento atmosferico abbastanza preoccupante nonostante la loro utilità ai nostri tempi.

Ma vista la necessità di ridurre le emissioni di gas a effetto serra, molte compagnie aeree hanno aderito a una varietà di programmi ambientali. Il problema è che questo non sembra essere abbastanza per invertire il danno, come suggerito dalla nuova ricerca presentata alla COP25 che indaga la vera efficacia delle iniziative per ridurre le emissioni di carbonio delle compagnie aeree.

 

Le azioni attuali non funzionano a lungo termine

Gli autori hanno scoperto che sia la compensazione dei biocarburanti che quella del carbonio possono contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici, ma solo temporaneamente. Queste misure non sono buoni candidati per ridurre la crisi a lungo termine.

Nel loro documento, hanno messo in evidenza i pro e i contro delle diverse azioni intraprese finora dalle compagnie aeree. Ad esempio, i carburanti alternativi sono stati identificati come una soluzione per eliminare il carbonio dai viaggi aerei, ma c’è un problema: molti dei biocarburanti hanno anche un impatto climatico negativo, quindi la loro selezione deve essere studiata molto bene.

Si è parlato anche di carburanti sintetici e persino di aeroplani elettrici, che hanno un elevato potenziale di riduzione delle emissioni di gas serra. Tuttavia, queste opzioni non sono ancora disponibili in commercio.

E un altro dei punti più preoccupanti riscontrati in questa ricerca è che sebbene le compagnie aeree più progressiste abbiano iniziative molto più audaci per ridurre le emissioni – come il miglioramento dell’efficienza del carbonio per chilometro del posto disponibile – le emissioni totali hanno continuato ad aumentare.

 

Uno schermo di fumo

La professoressa Susanne Becken sottolinea che la maggior parte delle compagnie aeree oggi direbbe che riducono il peso o migliorano l’efficienza del carbonio degli aeroplani, ma in realtà l’effetto è molto ridotto rispetto all’aumento annuale delle emissioni. “La maggior parte delle compagnie aeree oggi direbbe che riducono il peso o migliorano l’efficienza dell’aeromobile, ma quando si guardano davvero i numeri, i risparmi sono molto piccoli, spesso inferiori allo 0,1 percento rispetto al 5 percento o più della crescita annuale“.

Secondo gli autori, questa è la prima volta che uno studio identifica i dettagli sull’inefficienza della maggior parte delle iniziative delle compagnie aeree per raggiungere gli obiettivi climatici globali. In considerazione di ciò, raccomandano di promuovere investimenti nella ricerca e sviluppo di carburanti veramente neutri e l’implementazione di processi che utilizzano l’anidride carbonica presente nell’aria.