relatività-spazio-tempo

L’astrofisico Ron Mallett crede di aver trovato un modo per viaggiare indietro nel tempo, almeno teoricamente. Il ricercatore ha affermato di aver scritto un’equazione scientifica che potrebbe essere la base di una vera macchina del tempo. Ron Mallett ha persino realizzato un prototipo del dispositivo per illustrare un componente chiave della sua teoria.

Per comprendere la macchina di Mallett, è necessario conoscere le basi della teoria della relatività speciale di Albert Einstein, secondo cui il tempo accelera o rallenta a seconda della velocità con cui si muove un oggetto.

Sulla base di questa teoria, se una persona si trovasse su un veicolo spaziale in viaggio vicino alla velocità della luce, il tempo passerebbe più lentamente per loro che per qualcuno che rimane sulla Terra. In sostanza, l’astronauta potrebbe viaggiare attraverso lo spazio in meno di una settimana e, al suo ritorno sulla Terra, sarebbero passati 10 anni per le persone sul pianeta, facendo sembrare che l’astronauta abbia viaggiato in realtà nel futuro.

Ma mentre molti fisici accettano che probabilmente andare in avanti nel tempo in questo modo è probabilmente possibile, viaggiare nel tempo nel passato è un’altra cosa – e Mallett pensa di poterlo risolvere usando i laser.

 

L’invenzione

L’idea di Mallett dipende da un’altra teoria di Einstein: la teoria generale della relatività. Secondo questa teoria, gli oggetti massicci piegano lo spaziotempo – un effetto che percepiamo come gravità. Maggiore è la gravità, minore è il tempo. “Se riusciamo a raddoppiare lo spazio, c’è la possibilità di torcere lo spazio“, ha detto Mallett alla CNN . “Nella teoria di Einstein, ciò che chiamiamo spazio implica anche il tempo. Ciò che fai con lo spazio accade anche con il tempo

Il ricercatore ritiene che sia teoricamente possibile effettuare il loop time, il che consentirebbe un viaggio nel tempo nel passato. “Studiare il tipo di campo gravitazionale prodotto da un laser ad anello può portare a un nuovo modo di vedere la possibilità di una macchina del tempo basata su un raggio di luce circolante“, ha detto.

Tuttavia, nonostante l’ottimismo di Mallett, i suoi colleghi non sono convinti che la sua macchina del tempo si realizzerà. “Non credo che [l’opera] sia necessariamente fruttuosa“, ha detto l’astrofisico Paul Sutter. “Perché penso che ci siano profondi difetti nella matematica e nella teoria, quindi un dispositivo pratico sembra irraggiungibile“.

In effetti, ricordando il futurismo, anche Mallet ammette che l’idea è totalmente teorica per ora.