Le Pietre di Callanish, note anche come Clachan Chalanais o Tursachan Chalanais, compongono una serie di menhir costruiti in epoca preistorica. Si trovano sulla costa occidentale dell’isola di Lewis, nelle Ebridi Esterne della Scozia e la loro creazione rimane un grande mistero.

Le credenze locali suggeriscono che l’isola fosse abitata da giganti e, rifiutando di accettare il cristianesimo, furono trasformati in pietra come punizione. Mentre un’altra storia suggerisce che all’alba del solstizio d’estate, il Sole si posi su quelle pietre, il che è un suggerimento di un possibile significato astronomico delle stesse.

Il fatto è che le indagini sull’argomento continuano, e una recente ricerca ha gettato nuove prove di un enorme fulmine che potrebbe essere caduto al centro delle Ebridi Esterne e che, infine, potrebbe spiegare l’origine del monumento. 

Di solito viene identificato un monumento archeologico o una serie di monumenti, ma si sa molto poco delle aree circostanti. Ecco perché i ricercatori hanno deciso di applicare questo approccio utilizzando tecniche più appropriate per esplorare i paesaggi sepolti.

 

Il monumento e le forze della natura

Un team di ricercatori del Chalanais Virtual Reconstruction Project, una joint venture gestita dall’Università di St. Andrews con la società Urras nan Tursachan e l’Università di Bradford, ha esaminato diversi siti vicino al monumento per trovare prove di cerchi perduti.

Sono risaliti ad un sito molto poco conosciuto, noto come Sito XI o Airigh na Beinne Bige, che al momento è un’unica pietra su una collina esposta e che domina il grande cerchio. Tuttavia, gli studi hanno rivelato che la pietra faceva originariamente parte di un cerchio di pietre erette e al centro c’era anche un’enorme anomalia magnetica a forma di stella. Questa anomalia avrebbe potuto essere il risultato di un singolo impatto di un raggio molto grande o quello di molti piccoli fulmini nello stesso punto.

Il leader del progetto, Dr. Richard Bates, della Facoltà di scienze della terra e dell’ambiente dell’Università di St. Andrews, ha commentato che non è noto con certezza se il fulmine del Sito Xi sia caduto direttamente su un albero o una roccia che non c’è oggi, o anche se il monumento stesso abbia attirato gli impatti del fulmine. “Tuttavia, questa straordinaria evidenza suggerisce che le forze della natura potrebbero essere state intimamente correlate alla vita quotidiana e alle credenze delle prime comunità agricole sull’isola“.

Un altro dei siti vicini studiati era conosciuto come Na Dromannan. I ricercatori hanno scansionato attentamente le pietre di questo cerchio che erano state perse con le loro pietre sepolte o distese e sono stati in grado di ricostruirlo in un modello tridimensionale completo. Attraverso questo, i ricercatori sono riusciti a rintracciare il Sole e la Luna attorno al cerchio per la prima volta in quattro millenni.

Per la prima volta in oltre 4000 anni, è possibile vedere le pietre e camminare virtualmente“, ha detto il dott. Bates. “Tutti possono visitare questo sito remoto e avere un’idea reale di come è stato subito dopo la sua costruzione. Abbiamo appena graffiato la superficie di questo paesaggio e possiamo già avere un’idea di cosa potrebbe essere sepolto lì in attesa della scoperta”.

Tuttavia, il mistero continua. Le prove lampo lasciano ancora molto da investigare, anche se gli specialisti ritengono che sia quasi impossibile determinare con certezza l’origine di queste strutture.

Ma la speranza non viene meno. Il team spera di tornare sull’isola di Lewis il prossimo anno per continuare gli studi, sia a terra che in acqua, intorno al Tursachan a Calanais, ora colpiti dall’innalzamento del livello del mare.