case-neolitico

Il comportamento umano è influenzato da aspetti inconsci. Uno è un fenomeno di percezione, noto tra gli psicologi come negligenza spaziale cerebrale. Questo fenomeno si riferisce all’osservazione che le persone preferiscono per il loro campo visivo sinistro rispetto a quello destro. E, quindi, dividono regolarmente una linea a sinistra del centro.

Un nuovo studio, pubblicato questo mese sulla rivista scientifica PlosONE, mostra per la prima volta l’effetto che questa deviazione discreta ha avuto sul passato storico. Un gruppo di ricerca slovacco-tedesco ha analizzato l’allineamento delle prime case neolitiche nell’Europa centrale e orientale.

 

La ricerca

Gli scienziati dell’Università di Kiel e dell’Accademia delle scienze slovacca sono stati in grado di dimostrare che l’orientamento delle case di nuova costruzione si è leggermente discostato da quello degli edifici esistenti e che questa deviazione è stata regolarmente in senso antiorario.

I ricercatori hanno da tempo ipotizzato che le vecchie case neolitiche rappresentassero circa una generazione, cioè dai 30 ai 40 anni, e che le nuove case dovessero essere costruite a fianco di quelle esistenti a intervalli regolari“, ha detto Nils Müller-Scheebel, un archeologo che ha condotto lo studio in una dichiarazione.

Secondo la determinazione dell’età utilizzando il metodo del radiocarbonio, ora possiamo dimostrare che la nuova costruzione era associata a una rotazione quasi impercettibile dell’asse della casa nella direzione opposta all’orologio.

Pertanto, i ricercatori ritengono che la causa più probabile di ciò sia la negligenza spaziale cerebrale. L’idea è stata resa possibile dall’interpretazione dei risultati delle misurazioni magnetiche geofisiche. Le differenze nel campo magnetico terrestre vengono utilizzate per visualizzare le caratteristiche archeologiche trovate sottoterra. I piani delle vecchie case neolitiche sono dei migliori tipi di caratteristiche identificabili.

Lo studio si riferisce anche a osservazioni archeologiche comparabili altrove e, a volte, che mostrano che simili cambiamenti di orientamento si applicano anche a periodi preistorici più recenti.