Fitbit Charge 3

Il Fitbit Charge 3 è il nuovo smartwatch della serie più amata dagli utenti ed apprezzata per la sua versatilità, facilità di utilizzo, nonché ampiezza di funzioni raggiungibili con un semplice tocco. Il modello del 2019 non illude e continua sulla buona strada intrapresa in passato, seppur richiedendo un esborso notevole per il suo acquisto.

Esteticamente il Fitbit Charge 3 segue esattamente le stesse identiche linee degli altri modelli dell’azienda, le dimensioni parlano di 246,88 x 11,93 x 21,59 millimetri, con un peso di soli 29,94 grammi. La parte centrale è realizzata in lega d’alluminio di standard aerospaziale, una cassa liscia e levigata con protezione anteriore Gorilla Glass 3. Una volta indossato vi dimenticherete a tutti gli effetti di averlo, si può tranquillamente utilizzare sia di giorno che di notte senza alcun problema o fastidio; la robustezza è ottima, dopo circa 2 settimane di utilizzo ed alcuni urti, si è sempre comportato perfettamente (molto comoda la possibilità di trovare in condizione due cinturini di lunghezze differenti).

 

Fitbit Charge 3: caratteristiche tecniche

Il display è un OLED in scala di grigi, completamente touchscreen, retroilluminato ma non a colori. Esattamente come i più classici dispositivi Fitbit, anche in questo caso l’azienda non si è voluta spingere su uno schermo a colori (presente invece nei dispositivi Versa, Versa Lite e Versa 2), seppur presentando un touchscreen perfettamente funzionante e funzionale, ma non in grado di supportare il multitouch. E’ scomparso il tasto fisico, sul bordo sinistro della cassa è stato posizionato un tasto a sfioramento per tornare al menù precedente, il controllo effettivo è possibile solo tramite il touchscreen; come visibilità sotto la luce solare diretta siamo rimasti piacevolmente colpiti e sorpresi, la qualità generale è molto elevata.

Il Fitbit Charge 3 non è uno smartwatch/fitness tracker per professionisti, ma dedicato a tutti gli utenti che vogliono tenere sotto controllo il proprio benessere generale, strizzando l’occhio alle funzioni smart. Ecco allora che troviamo 15 modalità di allenamento riconosciute, tra cui il nuoto, e l’apprezzata funzionalità smartrack (utile per il riconoscimento automatico dell’attività, senza la necessità che venga avviata dall’utente).

Le notifiche vengono visualizzate correttamente, provengono da tutte le applicazioni dello smartphone, i messaggi lunghi si leggono senza problemi, basterà scorrerli verso il basso. E’ assente un microfono o un altoparlante interno, tuttavia esiste la possibilità di rispondere con messaggi pre-impostati (non personalizzabili); nel momento in cui viene ricevuta una chiamata si potrà rispondere, anche se sarà necessario parlare direttamente dallo smartphone.

E’ assente il chip GPS interno, il segnale per l’allenamento dovrà essere condiviso direttamente dallo smartphone; è chiaro che, nell’eventualità in cui avviaste l’allenamento senza il dispositivo, raccogliereste esattamente gli stessi dati, senza avere la possibilità di vedere il tracciato su mappa.

Le rilevazioni presenti nel Fitbit Charge 3 sono le solite: contapassi, sonno, calorie bruciate, piani saliti e battito cardiaco. passi, come abbiamo notato in passato, vengono leggermente sovrastimati, se confrontati con altri terminali dello stesso settore, considerate quindi che risulteranno sempre più del normale. Il rilevamento del battito cardiaco è affidabile, come anche i piani saliti, il vero plus del mondo Fitbit è una rilevazione del sonno a dir poco perfetta (non sbaglia un colpo, sopratutto negli orari in cui andate a dormire ed in cui vi svegliate). Tutte le informazioni possono essere visualizzate direttamente dallo smartwatch, ricordando che non si potranno però vedere i dettagli dei giorni scorsi, solo il riepilogo della giornata corrente.

La batteria è l’altro suo punto di forza, riuscendo a risparmiare sul consumo con display non a colori e GPS condiviso, Fitbit è riuscita a garantire una durata di carica che si aggira attorno ad addirittura 7 giorni di utilizzo continuativo (verificato con i nostri test).

La connessione allo smartphone avviene solo tramite bluetooth 4.2, concludono le specifiche tecniche l’impermeabilità fino a 50 metri di profondità, la possibilità di accedere all’applicazione meteo da polso (presto anche il calendario), i promemoria di movimento, nonché la funzione di respirazione guidata.

 

Charge 3: applicazione ufficiale e conclusioni

L’applicazione ufficiale Fitbit è sempre la stessa, scaricabile gratuitamente dal Play Store o dall’app store di Apple, permette di accedere a tutte le informazioni del caso in rapidità e semplicità. Abbiamo apprezzato sicuramente la sua facilità d’utilizzo, anche l’utente alle prime armi riesce a capire dove e come muoversi; le funzioni più interessanti riguardano il riepilogo delle ultime settimane dei passi, calorie bruciate, attività e sonno, con una grandissima attenzione alla qualità di quest’ultimo (viene suddiviso in fase REM, dormiveglia, sonno profondo, agitato e sveglio con grandissima precisione).

Gli allenamenti sono anch’essi ricchissimi di informazioni e dettagli, ricordiamo comunque che nel caso in cui si fossero avviati senza GPS condiviso, l’unica differenza riguarderà l’impossibilità di visualizzare il tracciato su mappa.

In conclusione il Fitbit Charge 3 è un prodotto di altissima qualità, che presenta però un prezzo forse troppo elevato, 149 euro sono veramente tantissimi, se confrontati con le offerte della concorrenza e le funzionalità incluse. Gli aspetti positivi sono:

  • Piccolo, comodo e ampiamente personalizzabile con accessori acquistabili a parte.
  • Display funzionale, il touchscreen è apprezzato e risponde perfettamente ai comandi.
  • Rilevamento del sonno e del battito cardiaco perfetti.
  • Notifiche sempre visualizzate correttamente (attenzione alle compatibilità), con possibilità di inviare risposte pre-impostate.
  • Resistenza all’acqua e riconoscimento automatico delle attività.
  • Ottima durata della batteria, circa 7 giorni sono buonissimi.

Tra i negativi, invece:

  • Assente il chip GPS, mancanza quasi imperdonabile a questi livelli di prezzo e di qualità generale.
  • Conteggio dei passi leggermente sovrastimato, ma lo abbiamo notato con tutti i dispositivi del brand.
  • Prezzo troppo elevato rispetto alle funzionalità, ma stiamo parlando di un Fitbit, non pagate tanto il device, quanto l’ecosistema in cui è immerso.

Il Fitbit Charge 3 può essere acquistato sul sito ufficiale o in tutti i negozi di elettronica/Amazon, per vederlo all’opera e conoscerlo da vicino, guardate la nostra videorecensione inserita poco sotto.