australia-incendi

Gli incendi boschivi delle ultime settimane in Australia rappresentano una “catastrofe ecologica” che richiederà decenni per essere superata e che richiede un significativo sostegno finanziario e cambiamenti nelle politiche ambientali, avvertono gli esperti. 

Cambiamenti che richiedono necessariamente misure concrete per evitare di “continuare ad aumentare la temperatura del forno” che sta “cuocendo” il pianeta Terra, come spiegato da Stuart Blanch, scienziato ambientale e uno dei responsabili del settore del rimboschimento del World Wide Fund – Australia (WWF-A). “Siamo di fronte a una catastrofe ecologica, la stima è la perdita di un miliardo di animali vertebrati, ma sappiamo che questo numero aumenterà quando verranno raccolte le informazioni più accurate“, ha detto.

 

Aree bruciate estese come interi paesi

Nelle ultime settimane, l’incendio ha bruciato un’area più grande del Portogallo – la stagione degli incendi non è ancora finita – con gravi danni agli ecosistemi, in particolare sulla costa orientale del Paese, lasciando diverse specie a rischio.

Il numero di 1 miliardo di animali uccisi si basa su uno studio condotto nel 2007 da un gruppo di scienziati specializzati in rettili, mammiferi e altri animali che ha stimato che, in media, c’erano tra 150 e 160 animali vertebrati in ogni ettaro dell’ecosistema. “Il numero di 1 miliardo è un’estrapolazione conservativa di questa media di animali considerando gli oltre 10 milioni di ettari bruciati“, ha spiegato.

In media, l’80% di questi animali sono rettili, tra cui lucertole e serpenti, dal 12 al 15% sono uccelli e dal 5 all’8% sono mammiferi, tralasciando pipistrelli, rane, pesci e insetti, le cui popolazioni non erano conteggiate al momento della studiare.

Sono in corso nuovi studi per determinare con maggiore precisione la presenza di questi e altri animali nei vari ecosistemi australiani, per consentire valutazioni più dettagliate in casi come quelli attuali. Sebbene gli animali selvatici e le stesse foreste si siano adattati agli incendi per decine di migliaia di anni, ciò non implica, osserva Blanch, che gli animali siano riusciti a sfuggire agli incendi attuali, di dimensioni insolite.

I fuochi che abbiamo ora non sono gli stessi del passato. Sono molto più grandi, molto più intensi, più caldi, meno prevedibili e molti animali non possono scappare, nemmeno gli uccelli”, ha spiegato. “Il fuoco viaggia molto velocemente e l’intensità del calore alla fine raggiunge molti animali che sono fuggiti. E poi ci sono molti animali che riescono a fuggire, ma finiscono per morire, perché a corto di habitat, finiscono il cibo. Ecco perché l’impatto è di questa dimensione”, ha affermato.

La mancanza di cibo, la stanchezza degli animali che devono percorrere grandi distanze e persino quelli che sono intrappolati nei recinti delle proprietà agricole, finiscono per aumentare la perdita di fauna selvatica.

Anna Felton, dell’organizzazione ambientale WIRES – che gestisce una rete di volontari coinvolti nel sostegno alla fauna selvatica nel Nuovo Galles del Sud – afferma che è impossibile sapere quanti animali sono morti ma molte specie erano già nei guai a causa della mancanza di acqua e cibo a causa della siccità prolungato in diversi punti. WIRES afferma che “mai nella sua storia ha visto un momento di emergenze parallele come quelle iniziate a novembre“, con gli incendi che hanno avuto un impatto a lungo termine sugli animali sopravvissuti.

Solo a dicembre, osserva, l’organizzazione ha ricevuto oltre 20.000 chiamate , il 14% in più rispetto allo scorso anno, con i volontari WIRES che hanno effettuato oltre 3.300 soccorsi di animali. “Il fuoco non ha discriminato le specie. E sono tutte necessarie per l’equilibrio ambientale. Ma è troppo presto per conoscere il vero impatto perché siamo ancora nella fase critica del salvataggio e delle cure immediate”, ha dichiarato Fento in un’intervista.

Tra gli animali più a rischio, Stuart Blanch evidenzia la popolazione di koala, “particolarmente vulnerabile sulla costa orientale” e che “deve essere considerata in pericolo di estinzione” e il “Regent Honey Eater”, un uccello che era già stato minacciato e che ha perso praticamente il suo intero habitat. Altrettanto minacciato è il Petauroides Volans, una specie di marsupiale, riconosciuta per la sua lunga coda e che vive tradizionalmente in grandi foreste nel Victoria e nel Nuovo Galles del Sud. “Quando c’è un incendio, come i koala, questi marsupiali tendono a arrampicarsi sugli alberi, il che è buono in caso di piccoli incendi meno intensi. Ma non in questo caso, con fuochi di queste dimensioni, con colonne di fuoco di 50 metri , diventano semplicemente carbonizzati in cima agli alberi”, ha ricordato.

ratti-canguri, un altro marsupiale che vive in queste zone, sono anche in pericolo, così come lo sono gli animali che “non possono nè volare e nè arrampicarsi salire” e alla fine muoiono bruciati nel fuoco. Gymnobelideus Leadbeateri è anche a rischio critico di estinzione, un’altra specie di marsupiale, che dipende dalle “grandi foreste pluviali” con altre specie di canguri e marsupiali, cacatua, passeri e gufi, nell’elenco delle preoccupazioni.

Stuart Blanch sottolinea che anche con le condizioni e il sostegno necessari – con un ampio programma di rimboschimento e supporto ambientale, “il processo di recupero richiederà almeno 10 anni“. Per fare ciò, sostiene, “qualcosa di equivalente al Piano Marshall è necessario per aiutare a ripristinare le foreste in Australia” che è oggi uno dei punti caldi – insieme alla Siberia, all’Amazzonia, al Congo e all’Indonesia – in termini di incendi boschivi.

Le foreste sono viste come un ostacolo al progresso, ma rappresentano una soluzione naturale per il clima. Quindi dobbiamo pagare coloro che hanno foreste per prendersi cura di loro. Ciò ridurrebbe dal 15 al 20% delle emissioni. È qualcosa che dobbiamo fare a livello globale”, ha detto. Nel caso dell’Australia, il rimboschimento del paese – con 10 milioni di ettari di foresta – richiede “miliardi di dollari e un programma decennale“.

 

Melbourne qualità dell’aria a livelli “gravi”

La qualità dell’aria nella seconda città australiana, Melbourne, è peggiorata a livelli considerati “gravi” nel corso dei giorni, a causa dell’aumento del fumo causato dagli incendi nella parte orientale della regione. La qualità dell’aria è peggiorata “più del previsto” nelle ultime ore, fornendo raccomandazioni per evitare attività all’aperto. Diverse piscine, palestre e altri luoghi sono chiusi – questa è la vacanza scolastica estiva in Australia – con i sindacati che consigliano ai loro lavoratori di evitare qualsiasi lavoro all’aperto.

I servizi meteorologici prevedono che la forte nuvola di inquinamento atmosferico continuerà fino almeno a mercoledì pomeriggio, quando si prevedono miglioramenti con il cambio del vento. Gran parte del fumo proviene da incendi nelle aree montuose dell’East Gippsland, a nord-est di Melbourne, uno dei più grandi delle ultime settimane.

Oltre all’impatto sulla salute pubblica, il fumo sta causando ulteriori problemi ai vigili del fuoco che sono chiamati da allarmi antincendio innescati solo dall’eccesso di fumo nell’aria. I vigili del fuoco metropolitani di Melbourne affermano di aver risposto a quasi 200 falsi allarmi antincendio, una cifra cinque volte superiore al normale in un periodo di 24 ore.

La mancanza di vento nell’area ha aumentato la concentrazione di fumo durante la notte, spiegano i servizi meteorologici, che prevedono che il vento possa aiutare a migliorare la situazione. Fumo e scarsa qualità dell’aria a causa di incendi boschivi costretti a sospendere temporaneamente le sessioni di allenamento all’Australian Tennis Open a Melbourne Park.

 

Donazioni per l’Australia

Il fondatore di Amazon Jeff Bezos ha annunciato che la sua azienda farà una donazione di 619 mila euro per combattere gli incendi in Australia. La star della Marvel Chris Hemsworth, con un patrimonio netto di 68 milioni di euro, donerà lo stesso di Bezos. La cantante Pink, con una fortuna di 51,1 milioni di euro, ha promesso 448 mila euro. Il milionario Kylie Jenner ha donato 897 milioni di euro, mentre l’attrice Bette Midler si è attestata a 449 mila euro, così come la band Metallica.

Secondo lo stesso quotidiano, Sundar Pichai, CEO di Alphabet, ha scritto che gli incendi boschivi sono stati “devastanti” e che la società ha sostenuto finanziariamente il Paese negli aiuti. Alla fine dell’anno scorso, l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, ha annunciato che la società avrebbe sostenuto finanziariamente anche questo paese. Tuttavia, né Pichai né Cook hanno rivelato il valore delle donazioni.