ginkgo-biloba

Un team di ricercatori ha scoperto il segreto del Ginkgo biloba, la specie arborea praticamente immortale. Questa specie esiste dai tempi dei dinosauri. Il Ginkgo biloba, noto anche popolarmente come Acero giapponese, è un albero quasi considerato un fossile vivente, già esistente sin dai tempi dei dinosauri, più di 200 milioni di anni. In Giappone, è ancora considerato un simbolo di pace e longevità, essendo sopravvissuto alle esplosioni delle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki.

Questa specie di albero è praticamente immortale, dato che uno di questi alberi è in grado di vivere fino a 3000 anni. Un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica PNAS suggerisce che la longevità di questa specie è molto maggiore, essendo teoricamente infinita.

 

Elisir del ginkgo biloba

Il ginkgo biloba mostra pochi segni dell’invecchiamento. Sebbene questi alberi crescano con anelli più piccoli nel corso degli anni, il team di ricercatori ha riscontrato poche differenze nella loro capacità di fotosintetizzare, generare semi, far crescere foglie o resistere alle malattie.

Negli umani, quando invecchiamo, il nostro sistema immunitario inizia a non essere così buono“, ha detto il biologo Richard Dixon. “I sistemi immunitari degli alberi, anche se hanno 1.000 anni, sembrano avere 20 anni” , ha aggiunto.

Dixon e il suo team si sono concentrati sul tessuto staminale che contiene cellule meristematiche, l’equivalente delle cellule staminali negli animali. Gli scienziati non hanno riscontrato differenze sostanziali nell’attività genetica o nella resistenza alle malattie negli alberi di età diverse.

Poiché l’aumento nell’area basale è un indicatore affidabile della crescita degli alberi, sembra che lo scambio vascolare del Ginkgo biloba possa conservare la capacità di crescita continua per centinaia di anni o addirittura millenni” , hanno scritto gli autori dello studio.

Ciò non significa che l’albero sia immortale, ma è probabile che non morirà mai a causa dell’età. La cosa più normale è che finisce per morire a causa di fattori esterni, come incendi o azioni umane.

L’invecchiamento non è un problema per questa specie. Il problema più importante che devono affrontare è lo stress”, ha spiegato il fisiologo Sergi Munné-Bosch.