coronavirus-situazione-attuale-contagi

Il numero di persone contagiate dal coronavirus sta continuando ad aumentare, anche se non si capisce quanti di questi nuovi numeri siano in realtà un aggiornamento rispetto ai casi scoperti, ma già esistenti o se sono del tutto nuovi. A livello globale si sono superati i 6.000, 6.057 con l’ultimo aggiornamento ufficiale. 5.970 di questi si trovano in Cina mentre il resto sono sparsi tra i diversi paesi che hanno confermato i casi. I decessi invece sono saliti a 132 e si tratta tutti di casi in Cina, a cui si aggiungono i 110 ricoveri di individui particolarmente gravi.

Nel giro di appena 24 ore c’è stato un aumento di oltre il 30%, quasi 1.500 casi, a sottolineare come si tratti di una crescita esponenziale. Rispetto al contagio di SARS del 2002/2003 si è già superato i casi in Cina che ai tempi erano stati di 5.000. Per quanto riguarda la mortalità invece adesso risulta più bassa e anche di molto.

 

Coronavirus, la situazione attuale

Il virus SARS al suo picco aveva raggiunto una mortalità di quasi il 10% mentre in questo caso siamo al 2,2%. Il problema principale di questi numeri è uno solo ovvero il tempo passato. L’arco temporale in cui il precedente virus si è potuto mutare è stato di diversi mesi mentre in questo caso siamo solo a qualche settimana. Il virus potrebbe ancora evolvere in forme non prevedibili.

Secondo alcuni esperti, il peggio potrebbe arrivare entro una settimana o due. Attualmente ci sono casi di persone curate, giusto a sottolineare che comunque non è una malattia così spaventosa. Detto questo, le condizioni dei curati non è chiara. Come da un lato i morti sono principalmente individui con il sistema immunitario compromesso, quelli guariti possono benissimo essere persone particolarmente in forma.