impronte-digitali

Trovare impronte digitali sulla scena del crimine non è sempre sufficiente per condannare i possibili sospetti e questi potrebbero affermare di essere rilasciati prima che una verifica del coinvolgimento nel crimine sia effettivo. Questa possibilità potrebbe essere in procinto di cambiare, con una nuova tecnologia che consente di datare le impronte digitali.

Una delle teorie sulle impronte digitali indica che, con l’età, l’ozono nell’aria reagisce con i trigliceridi depositati dalla punta delle dita. Sulla base di questa teoria, un team della Iowa State University, negli Stati Uniti, ha creato una tecnologia che consente di datare le impronte digitali.

 

Lo studio

Gli scienziati hanno studiato le impronte digitali di tre volontari, lasciati su varie superfici per un periodo di sette giorni. Attraverso una tecnica nota come imaging di spettrometria di massa, sono stati in grado di determinare in modo sicuro la data di ciascuna stampa, in base al tasso di degradazione dei trigliceridi.

L’analisi non ha danneggiato le impronte digitali, che possono essere utilizzate per identificare gli individui. Inoltre, possono essere datate anche dopo essere stati cosparse di polvere forense.

Il team ha concluso che il tasso di degrado variava considerevolmente da persona a persona, probabilmente a causa delle diverse quantità di trigliceridi nelle impronte digitali. Ciò significa che un’impressione può essere datata solo dopo che le autorità hanno identificato il sospettato.

La ricerca è stata recentemente pubblicata sulla rivista Analytical Chemistry.