coronavirus

Ormai è evidente che la situazione attuale dell’epidemia di coronavirus non è più circoscritta alla Cina. Con oltre 10.000 contagi e circa 260 decessi, la diffusione del temibile agente virale sta destando preoccupazione in tutto il mondo, con casi registrati anche in Europa; inclusa l’Italia, dove due coniugi cinesi provenienti dalla provincia di Wuhan sono risultati positivi al coronavirus e posti in quarantena presso l’ospedale Spallanzani di Roma.

coronavirus

Come se ciò non fosse già abbastanza per gettare nel panico fette di popolazione sempre più ampie, la disinformazione dilagante sul web non è certo d’aiuto. Poter fare affidamento sulle notizie circolanti riguardo quest’epidemia può essere di fondamentale importanza predisporre tutta una serie di misure preventive e di controllo che possono rivelarsi vitali quando si ha a che fare con qualcosa di così sfuggente; fortunatamente, l’intervento di Google sembra essere provvidenziale in questo marasma di allarmismo e notizie fuorvianti.

 

Google ha così deciso di fare la sua parte per aiutare a far fronte all’epidemia di coronavirus, che non accenna a rallentare

Il gigante della tecnologia ha infatti implementato un’interessante funzione nel proprio browser web Chrome, ossia i cosiddetti “SOS Alerts“. Si tratta di uno strumento in grado di “riunire” contenuti inerenti la diffusione del coronavirus che siano i più autorevoli in materia, reperendoli dal web stesso, dai social media e dagli stessi prodotti Google, come ad esempio Maps. Questa funzione potrebbe essere molto importante, dal momento che consente di fruire di un novero molto ampio di informazioni ritenute più affidabili rispetto a quelle normalmente reperibili in quella selva oscura che è internet.

coronavirus

In ogni caso, le linee guida da seguire per prevenire e tenere sotto controllo l’avanzata del coronavirus sono dettate in maniera semplice ma accurata dalle direttive dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che proprio in questi giorni ha dichiarato lo stato d’emergenza globale, e dal Ministero della Salute italiano, che è possibile contattare in maniera diretta grazie al numero 1500 per ottenere qualunque tipo di informazione in merito. Anche quest’ultimo è peraltro ricorrente nelle ricerche su Google, in quanto rientra tra le informazioni affidabili ritenute tali dal browser. In questo modo, si spera di riuscire a fare in modo che chiunque possa ottenere informazioni sull’attuale crisi che sta sconvolgendo il mondo intero.