titanic

Lo scorso anno, inavvertitamente, un sottomarino britannico ha colpito il relitto del famoso Titanic, il celeberrimo transatlantico che affondò nell’aprile del 1912 dopo essersi scontrato con un iceberg nell’Oceano Atlantico. Circa 1.500 persone erano ancora a bordo quando, inesorabile, gli abissi lo risucchiarono.

L’incidente è avvenuto durante una serie di spedizioni di Triton, un sommergibile della compagnia britannica EYOS Expedition. Proprio quest’ultima afferma di aver accidentalmente colpito il relitto della nave, affermando che la missione svolta era ostacolata a causa di “correnti intense e altamente imprevedibili“. Le correnti hanno portato a un contatto accidentale con il fondo del mare e, in un’altra occasione, a un contatto accidentale con il relitto del Titanic.

 

La battaglia legale

La compagnia, che l’anno scorso è riuscita a osservare e registrare la nave per la prima volta dal 2005, afferma che l’impatto è stato così debole che non ha effettivamente danneggiato la superficie del sottomarino britannico. “C’è stato un contatto accidentale con il Titanic“, ha detto il capo spedizione Rob McCallum.

La società americana RMS Titanic, che detiene i diritti sul relitto del Titanic, ha accusato la società britannica e la United States Oceanic and Atmospher Administration (NOAA) di non aver denunciato ciò che è accaduto fino a gennaio di quest’anno. Secondo RMS Titanic, il governo degli Stati Uniti era a conoscenza dello scontro, ma preferiva tenerlo segreto, scrive anche la stampa internazionale.

La compagnia americana e il NOAA sono state impegnate in una battaglia legale sul futuro del relitto: RMS Titanic vuole garantire il suo diritto di estrarre dalla nave qualsiasi oggetto prezioso che si trova vicino o all’interno della nave, mentre NOAA insiste sul fatto che la nave non deve essere disturbato. La prima udienza sul caso si svolgerà il 20 febbraio nello stato americano della Virginia.

Considerata la nave più lussuosa e sicura al mondo, il Titanic affondò con più di 1.500 persone a bordo nelle prime ore del 15 aprile 1912, dopo essersi scontrato con un iceberg. La nave fece il suo primo viaggio dopo aver lasciato Southampton, in Inghilterra, diretta a New York, negli Stati Uniti.