lucertola

Uno studio eseguito presso la Birghamton University di New York ha scoperto che la nostra scelta di abbigliamento può influenzare le abitudini comportamentali della fauna selvatica che ci circonda. Lindsey Swierk, assistente professore di ricerca in scienze biologiche all’Università di Binghamton, ha collaborato a uno studio per capire come gli ecoturisti potrebbero avere un effetto involontario sulla fauna selvatica nativa della regione. Per questo, Swierk e il suo team sono andati in Costa Rica per condurre lo studio sull’anolis acquatico (Anolis aquaticus), una varietà di lucertola.

Ho studiato l’anolis acquatico per cinque anni e sono ancora sorpreso dalla sua storia e dal suo comportamento naturali unici“, ha affermato Lindsey Swierk. “Uno dei motivi per cui è stata scelta l’anolis acquatica è la sua limitatezza a una gamma molto piccola e possiamo essere sicuri che queste particolari popolazioni non abbiano visto molti esseri umani nelle loro vite. Pertanto, eravamo molto fiduciosi che le popolazioni non fossero influenzate da precedenti interazioni umane”.

 

Lo studio

Gli scienziati sono andati al centro biologico di Las Cruces, in Costa Rica. Per raccogliere dati, hanno visitato tre diverse località sul fiume, indossando un maglione colorato: arancione, verde o blu. Il focus dello studio era vedere come l’anolis acquatica ha reagito a diversi colori.

L’arancione è stato scelto perché l’animale mostra segni sessuali arancioni. Il blu è stato scelto come contrasto, poiché il corpo di questa specie non ha un colore blu. Il verde è stato selezionato come un colore simile all’ambiente della foresta tropicale del sito di prova.

Sulla base di precedenti lavori su come gli animali rispondono agli stimoli del colore, abbiamo sviluppato un’ipotesi secondo cui l’uso di colori” usati “dall’anolis acquatico sarebbe meno spaventoso per queste lucertole“, ha affermato Swierk.

Secondo lo studio pubblicato a dicembre sulla rivista scientifica Biotropica, i risultati supportano questa ipotesi. I ricercatori vestiti di arancione hanno riportato un maggior numero di anolis visti all’ora e una percentuale più elevata di catture di lucertole. “È stato molto sorprendente vedere che il colore verde, che ci mimetizzava bene nella foresta, era meno efficace dell’uso di un’arancia molto brillante!“, ha detto Swierk.

Per il ricercatore, una delle maggiori conclusioni di questo studio è che non riusciamo ancora a capire il modo in cui gli animali vedono il mondo. Swierk spera che i risultati possano essere utilizzati all’interno della comunità dell’ecoturismo per ridurre gli impatti sulla fauna selvatica che desiderano vedere.