coronavirus-nave-giapponese-crociera

Altre 24 ore, altre poco più di 3.000 casi di persone contagiate da coronavirus. Si è superata la soglia dei 30.000 arrivando con precisione, per lo meno secondo l’ultimo aggiornamento ufficiale, a 31.485. I morti sono saliti di 73 rispetto a ieri arrivando a un totale di 638. Le persone guarite continuano a salire più dei morti e sono arrivate a 1.606. Rispetto alla SARS, il cui collegamento risulta ovvio, ci troviamo di fronte a quasi quattro volte i casi mentre il numero dei morti sarà raggiunto presto.

Esclusa la Cina, l’aumento dei contagi è relativo a pochi individui. Unico punto anomalo riguarda la nave da crociera bloccata al largo della Giappone. Il paese in sé ha ufficializzato 25 casi finora, mentre solo sulla nave sono stati confermate 61 persone che hanno contratto il coronavirus. I passeggeri sono più di 2.000 e si teme e per un aumento massiccio.

 

Coronavirus e la nave da crociera

I numero sono raddoppiati nelle ultime 24 ore. 21 dei 41 nuovi casi sono giapponesi mentre gli altri sono di altre nazionalità diverse. Sono stati fatti dei test medici soltanto a meno di 300 passeggeri quindi ne mancano più di 1.700. Per quanto si possa cercare di mantenere quarantene separate sulla nave, la possibilità di un aumento dei casi è possibile.

Difficilmente si può dire di essere di fronte al quadro completo della situazione. L’idea che mancano molti dati che non sono stati divulgati dalle autorità cinesi è forte. Sempre facendo il confronto con la SARS, si pensa che anche allora siano stati occultate delle informazioni fino alla fine. Detto questo, se il numero continuerà a crescere, difficilmente saranno in grado di nascondere eventuali numeri.