animali-preistorici

Gli scienziati hanno identificato una nuova specie di rettile marino in Alaska, che visse oltre 200 milioni di anni fa. Il team di scienziati ha scoperto, per la prima volta, un esemplare di questa nuova specie, ora soprannominato Gunakadeit joseeae, in una località costiera nel sud-est dell’Alaska nel 2011.

Questo rettile marino appartiene all’ordine Thalattosauria, un gruppo di rettili marini preistorici che visse durante il periodo Triassico (tra 251 milioni e 199 milioni di anni fa) e che avrebbe potuto essere lungo quasi quattro metri.

I ricercatori affermano che questo esemplare è il talattosauro più completo mai trovato in Nord America, che getta nuova luce su questi animali enigmatici. “I talattosauri sono stati tra i primi gruppi di rettili riadattati alla vita nell’oceano“, ha detto in una nota Neil Kelley, assistente professore alla Vanderbilt University negli Stati Uniti, e uno degli autori dello studio pubblicato sulla rivista scientifica Scientific Reports. “Hanno prosperato per decine di milioni di anni, ma i loro fossili sono relativamente rari, quindi questo nuovo esemplare aiuta a colmare una lacuna importante nella storia della sua evoluzione ed eventuale estinzione“, aggiunge.

I ricercatori hanno inoltre scoperto che questa nuova specie era un tipo primitivo di talattosauro che riuscì a sopravvivere fino alla fine del Triassico, quando il gruppo si estinse.

 

Identikit del talattosauro

Una delle caratteristiche che li ha aiutati a identificare il campione come una nuova specie era il muso appuntito, una caratteristica che probabilmente si è sviluppata in risposta all’ambiente marino di superficie in cui abitava. Tuttavia, questo adattamento potrebbe anche aver portato alla sua estinzione.

Probabilmente bloccato dal naso appuntito in crepe e fessure nelle barriere coralline e si è nutrito di animali dal corpo morbido. Crediamo che fossero animali altamente specializzati da alimentare in acque poco profonde, ma quando il livello del mare è calato e le fonti alimentari sono cambiate, non avevano nessun posto dove andare”, spiega l’autore principale dello studio, Università dell’Alaska, Patrick Druckenmiller.