A68

A68 è il più grande iceberg del mondo, che si è liberato dall’Antartide nel 2017, e si sta dirigendo verso l’Oceano Atlantico. Questo gigantesco blocco di ghiaccio è di circa 6.000 chilometri quadrati e, al momento in cui si staccava dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C, pesava 1 miliardo di tonnellate.

Gli esperti stimano che, non appena l’iceberg entrerà nelle acque più agitate dell’Oceano Antartico, dovrebbe spezzarsi. “Con un rapporto spessore/lunghezza simile a cinque fogli A4, sono sorpreso che le onde oceaniche non abbiano ancora prodotto cubetti di ghiaccio su A68“, ha dichiarato Adrian Luckman, dell’Università di Swansea, nel Regno Unito. “Se sopravvivrà in un singolo blocco, quando attraverserà il bordo del ghiaccio marino, rimarrò molto sorpreso“, ha aggiunto.

 

Un lungo (e pericoloso) peregrinare

L’A68 ha trascorso quasi un anno senza muoversi, ma i venti e le correnti hanno iniziato a spingerlo verso nord. L’iceberg segue un percorso ragionevolmente prevedibile, ma gli scienziati sono consapevoli dei possibili rischi per la spedizione.

Non c’è mai stata alcuna prova che potesse collegare questo episodio al riscaldamento globale. “Non abbiamo prove per collegare questo evento ai cambiamenti climatici. Sebbene i progressi complessivi sul lato sinistro della piattaforma di ghiaccio Larsen C lungo la penisola antartica siano stati collegati al riscaldamento climatico, tale divario sembra essersi sviluppato nel corso di molti decenni e il risultato sarà probabilmente naturale“, hanno sottolineato i ricercatori del progetto Midas.