balene-ambra-grigia

Gli scienziati hanno gettato nuova luce sulle origini dell’ambra grigia, un materiale simile a una roccia trovato sulle spiagge di tutto il mondo. In precedenza, si presumeva che questo tipo insolito di ambra – diventata di grande valore per il mondo della profumeria a causa del suo odore – fosse un prodotto naturale prodotto dai capodogli. Ma nessuna prova diretta per questa teoria è mai stata trovata.

Quindi, per indagare sulle origini del cosiddetto “vomito di balena“, un team di scienziati dell’Università di Copenaghen, in Danimarca, e dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito, ha analizzato il DNA di questo materiale trovato sulle spiagge proveniente dalla Nuova Zelanda e dallo Sri Lanka e confrontato con il DNA isolato da un campione prelevato direttamente da un capodoglio nei Paesi Bassi.

 

La ricerca

L’analisi ha rivelato che i campioni di ambra grigia provengono da capodogli, secondo lo studio pubblicato sulla rivista scientifica Biology Letters. Sebbene non sia una conclusione sorprendente, questa è la prima volta che esiste una prova diretta di questo processo.

Secondo la ricerca, il fatto che il team sia stato in grado di estrarre DNA “di alta qualità” dall’ambra grigia è particolarmente degno di nota, poiché i campioni avrebbero potuto galleggiare nell’oceano per molti anni ed essere stati esposti all’acqua salata e al sole.

I risultati più recenti possono avere implicazioni significative per lo studio di questo materiale, che è stato oggetto di discussione scientifica almeno dal 18° secolo, oltre a fornire informazioni sulla biologia delle balene. Ad esempio, l’ambra grigia può ora essere utilizzata come nuova fonte di dati genetici per studiare le dinamiche delle popolazioni passate, data la sua lunga vita utile.