gas-buchi-neri-galassia

Alcuni astronomi hanno rilevato dei particolari fenomeni al centro della nostra galassia. Riguardano il movimento di alcuni gas che hanno rivelato la presenza di un buco nero, la tipologia di un curo nero che finora era più teorica che altro.

Questi ricercatori sono riusciti a stabilire, sempre comunque con una certezza alquanto relativa, che al centro della Via Lattea ci sono delle nuvole di gas che orbitano intorno a un buco nero. Quest’ultimo ha la massa 10.000 volte quella del nostro sole. La particolarità però è che a guardare bene, non c’è niente.

Com’è possibile? I buchi neri si possono intercettare grazie alle radiazioni che emettono. Questo in particolare non lo fa sintomo che potrebbe essere quiescente. Si tratterebbe di un buco nero definito intermedio ovvero la cui massa rientra tra le 1.000 e le 100.000 masse solari. Sappiamo molto poco di loro.

 

Un buco nero intermedio al centro della nostra galassia

Come studiare un qualcosa di non visibile e che non emette radiazioni? Si guarda l’effetto che può avere sulle cose circostanti. In questo caso, delle nuvole di gas ed è proprio grazie a quest’ultime che l’astrofico Shunya Takekawa è riuscito a identificare la presenza del buco nero in questione.

Una delle nuvole di gas che ruotano intorno a quest’ultimo presenza tre piccoli gruppi. Le parole dell’uomo: “Uno dei tre gruppi ha una struttura ad anello con un gradiente di velocità molto ripido. Questa struttura cinematica suggerisce un’orbita attorno a un oggetto con una massa di circa 104 masse solari. L’assenza di controparti stellari indica che l’oggetto può essere un buco nero quiescente.

C’è anche un’altra osservazione che suggerisce la presenza di tale buco nero, una stella che si muove ad altissima velocità nel centro della galassia. Questa velocità dovrebbe essere data propria dalla massa del suddetto buco nero, il quale potrà diventare un’ottima fonte di informazioni.