coronavirus-apple

La capitalizzazione di mercato di Apple è diminuita di circa 29 miliardi di dollari durante la sessione di martedì, un giorno dopo che l’azienda statunitense ha annunciato che non raggiungerà entrate soddisfacenti per questo trimestre a causa del calo della domanda di iPhone in Cina causato da Covid-19 (coronavirus).

I titoli della società con sede a Cupertino hanno perso l’1,83%, chiudendo la sessione a 318,99 dollari. Di conseguenza, la capitalizzazione di mercato di Apple è ora di 1,395 miliardi di dollari, rispetto all’1,421 miliardi prima dell’apertura della Borsa di New York di martedì.

Di conseguenza, Microsoft è diventata la società tecnologica con il più alto valore di borsa. Dopo essere aumentato dell’1,01% questo martedì, la società fondata da Bill Gates ha chiuso la sessione di ieri del valore di 1.420 miliardi di dollari.

La guida alle entrate di Apple ha “influenzato” l’indice tecnologico Nasdaq, in particolare i produttori come Qualcomm, Qorvo e Skyworks Solutions, che hanno perso tra l’1,75% e il 2,63%. Tuttavia, l’indice potrebbe invertire la tendenza verso il basso per tutta la sessione e chiuso quasi piatta, con un leggero aumento del 0,02%.

 

Un effetto a cascata?

In una dichiarazione pubblicata sul sito ufficiale di Apple, la società guidata da Tim Cook, ha rivelato che “la normalizzazione delle condizioni sta richiedendo più tempo del previsto” e, “di conseguenza [non si aspetta] di raggiungere la revenue guidance sui ricavi finalizzata a il trimestre termina a marzo”.

Apple ha identificato “due fattori” per non aver raggiunto l’obiettivo, vale a dire la “limitazione temporanea della produzione globale di iPhone” e l’impatto che Covid-19 sta avendo sulla domanda cinese di prodotti di marca.

Sebbene le fabbriche dei nostri produttori partner siano fuori dalla provincia di Hubei – e sebbene le fabbriche siano state riaperte, l’incremento della produzione è più lento di quanto ci aspettassimo. I cali nella produzione di iPhone influenzeranno temporaneamente le entrate mondiali”, ha sottolineato Apple.

Il produttore di iPhone ha dichiarato che “tutti i nostri negozi in Cina sono stati chiusi, così come molti negozi dei nostri partner“, rivelando anche che “i negozi aperti sono a orario ridotto e con poco traffico di clienti“. Apple ha anche sottolineato che “l’interruzione della nostra attività è solo temporanea“.

Apple aveva previsto entrate tra 63 e 67 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2020, che termina a marzo.

Nonostante il calo delle azioni, un analista della banca nordamericana JPMorgan ha dichiarato ai clienti che le prospettive a lungo termine “rimangono invariate“, secondo quanto riferito dalla CNN. L’analista ha giustificato la posizione nei confronti di Apple a causa dell’ingresso nel mercato degli iPhone con la tecnologia 5G quest’anno, che dovrebbe aumentare la domanda di questi smartphone e anche perché Apple è meno dipendente dalla vendita di iPhone in Cina rispetto a un anno fa.