covid-wuhan

Anche se sembrano essere tratti da film americani, i focolai di malattie che si diffondono in diversi Paesi e causano morti e terrore tra gli umani sono una realtà. Al momento, una vasta gamma di agenti patogeni è stata identificata e documentata; tuttavia, saremo sempre soggetti a nuovi incontri, anche se probabilmente meglio preparati rispetto alle opportunità precedenti.

Il grosso problema è che, sebbene non sia una nuova situazione per l’umanità, i livelli di disinformazione nelle popolazioni di tutto il mondo sono piuttosto elevati. E ironia della sorte, questi sono stimolati dal libero transito di informazioni attraverso Internet e diverse piattaforme.

 

“Focolai” sul web

Importante è l’influenza dei social network nella diffusione di informazioni errate nel mezzo della crisi del coronavirus di Wuhan, che ha permesso di estendere le teorie esotiche sui suoi effetti e sulla sua origine. Tra questi, l’ipotesi, supportata anche in un articolo scientifico, evidenzia che un laboratorio di Wuhan potrebbe essere dietro lo scoppio del Covid-19.

In considerazione di ciò, un gruppo di 27 noti scienziati della sanità pubblica al di fuori della Cina hanno parlato attraverso una dichiarazione online sul portale The Lancet in cui rifiutano completamente il flusso di false storie su SARS-CoV-2 e, soprattutto, quello che coinvolge l’Istituto di virologia di Wuhan.

Ci uniamo per condannare fermamente le teorie della cospirazione che suggeriscono che COVID-19 non ha un’origine naturale“, scrivono gli autori nel loro articolo, ma senza attaccare alcuna pretesa specifica sull’origine dell’epidemia.

 

Wuhan Institute of Virology, epicentro dell’epidemia?

Per alcune settimane, molte pubblicazioni sui social network hanno indicato l’Istituto di virologia di Wuhan come epicentro dell’epidemia di SARS-CoV-2, poiché i suoi membri erano responsabili dello studio del coronavirus dei pipistrelli. Molti ipotizzano che il nuovo coronavirus potrebbe essere il risultato della bioingegneria applicata in laboratorio o che persino un ricercatore sia stato infettato dal contatto con un pipistrello infetto durante gli studi, per poi trasmettere la malattia ad altri.

La notizia ha iniziato a essere discussa ulteriormente dopo che Tom Cotton, un senatore americano, ha commentato su Fox News che questo laboratorio era “a pochi chilometri di distanza” da un mercato del pesce a cui erano collegati molti dei primi casi rilevati. “Non abbiamo prove che questa malattia abbia avuto origine lì, ma a causa della doppiezza e della disonestà della Cina fin dall’inizio, dobbiamo almeno porre la domanda per vedere cosa dicono le prove“, ha detto Cotton all’inizio di febbraio. A ciò ha aggiunto che il governo cinese ha respinto l’offerta iniziale degli Stati Uniti di inviare scienziati nel paese asiatico per indagare sull’epidemia.

 

Non ci sono prove di un legame tra il laboratorio e l’epidemia

Anche se sembra credibile da un certo punto, gli scienziati dell’istituzione affermano che non esiste alcun legame tra l’attuale focolaio e il laboratorio. Inoltre, l’Istituto di virologia di Wuhan si è distinto per i suoi alti livelli di biosicurezza, che ne riducono le possibilità.

Nella nuova dichiarazione, gli specialisti affermano che scienziati di diversi paesi hanno analizzato il genoma di SARS-CoV-2 e la conclusione è che l’origine di questo è nella fauna selvatica, come è successo con molti altri agenti patogeni emergenti. Questa dichiarazione è supportata dalle accademie nazionali statunitensi di scienze, ingegneria e medicina e da diverse comunità scientifiche.

Le teorie della cospirazione non fanno altro che creare paura, voci e pregiudizi che mettono a repentaglio la nostra collaborazione globale nella lotta contro questo virus. Sosteniamo la richiesta del Direttore Generale dell’OMS di promuovere prove scientifiche e unità sulla disinformazione e le congetture. Vogliamo che voi, professionisti della scienza e della salute in Cina, sappiate che vi supportiamo nella vostra lotta contro questo virus“.

 

Diffondere teorie senza buoni argomenti è irresponsabile

Nel mezzo delle emergenze sanitarie internazionali, la diffusione di teorie senza prove precise è un atto irresponsabile, soprattutto se si tiene conto della mancanza di criteri per la selezione dei contenuti su Internet.

Come indicato da Peter Daszak, presidente dell’EcoHealth Alliance a New York City e co-firmatario della dichiarazione, “siamo nel mezzo dell’era della disinformazione sui social media e queste voci e teorie del complotto hanno conseguenze reali“. Tra questi, la xenofobia nei confronti degli asiatici e le minacce di violenza nei confronti degli scienziati cinesi che stanno lavorando al problema.

Abbiamo la possibilità di alzarci e supportare i colleghi che vengono attaccati e minacciati quotidianamente dai teorici della cospirazione o semplicemente chiudere un occhio. Sono davvero orgoglioso che persone provenienti da 9 paesi possano difendersi rapidamente e mostrare solidarietà con persone che, dopo tutto, stanno affrontando condizioni terribili in caso di epidemia”.

 

Altre teorie della cospirazione su SARS-CoV-2

Ma oltre alla sua presunta origine cospirativa, molte altre false notizie sul coronavirus di Wuhan sono state divulgate nei tre mesi dell’epidemia. Il teorico della cospirazione e youtuber Jordan Sather, ha pubblicato su Twitter un brevetto del 2015 depositato dal Pirbright Institute nel Surrey, nel Regno Unito, che propone lo sviluppo di una nuova versione di coronavirus per creare un vaccino. Tuttavia, non si tratta di SARS-CoV-2, ma del virus della bronchite infettiva aviaria, un membro della famiglia dei coronavirus che infetta il pollame.

Pertanto, l’idea che si tratti di un’arma biologica è stata gestita; tuttavia, gli articoli che la sollevano non ne espongono o citano alcuna prova. Quindi, la lezione è abbastanza chiara: dobbiamo perfezionare la nostra selezione di fonti su Internet e, soprattutto, pensarci due volte prima di condividerla.