evoluzione-umana

L’essere umano è una delle specie di maggior successo del pianeta: viviamo sia sui continenti ghiacciati che in terreni aridi e creiamo strumenti che ci hanno aiutato a sopravvivere e persino a superare i limiti della nostra biologia.

La nostra ingegnosità e adattabilità supportano i “superpoteri” della nostra specie, ma le origini di quel potere possono essere inaspettate. In questo senso, i risultati di una recente indagine suggeriscono che il microbioma dei nostri antenati avrebbe potuto essere più importante per l’evoluzione umana di quanto si pensasse in precedenza.

 

Microbioma adattivo

Secondo i ricercatori, avere un microbioma intestinale adattivo avrebbe potuto essere fondamentale per la dispersione umana, permettendo ai nostri antenati di sopravvivere in nuove aree geografiche.

Quando sentiamo il termine “microbioma umano”, tendiamo a pensare alla fiorente comunità di batteri che vivono nel nostro intestino. Ma il microbioma si estende ben oltre il nostro intestino: include anche batteri che vivono nello stomaco, nella nostra pelle e nelle ghiandole sudoripare delle ascelle.

Utilizzando i dati di studi precedentemente pubblicati per confrontare il microbiota tra umani, scimmie e altri primati non umani, il team di ricerca ha scoperto che esiste una variazione sostanziale nella composizione e nella funzione del microbioma umano correlata alla geografia e allo stile di vita. Ciò suggerisce che il microbioma intestinale umano si è rapidamente adattato alle nuove condizioni ambientali.

Quando i nostri antenati si dilettarono in nuove aree geografiche, affrontarono nuove scelte alimentari e malattie e usarono una varietà di strumenti per ottenere e trattare il cibo.

Avere un microbioma adattivo ha permesso di digerire o disintossicarsi e ha aumentato la capacità dei nostri antenati di resistere a nuove malattie. Come tale, l’adattamento microbico ha facilitato il successo umano in una varietà di contesti, che ci ha permesso di diffonderci in tutto il mondo.

 

Uso prolungato

Secondo lo studio, questa adattabilità del microbioma potrebbe aver aiutato gli esseri umani a ottenere più valore nutrizionale da varie fonti alimentari nei momenti cruciali della nostra evoluzione.

È importante sottolineare che lo scambio sociale di microbi potrebbe aver portato ad adattamenti microbici locali. Tuttavia, i nostri antenati non solo hanno condiviso il loro microbiota tra loro, ma lo hanno anche “esternalizzato” nel loro cibo.

In un momento chiave della storia dell’umanità, abbiamo deciso di portare il nostro rapporto con i microbi al livello successivo. Ad esempio, i ricercatori postulano che, con la fermentazione, i nostri antenati “estendevano” il loro intestino al di fuori dei loro corpi cooptando i microbi per consentire alla digestione di iniziare esternamente.

Il processo di fermentazione degli alimenti presenta alcuni ovvi vantaggi, come la capacità di conservare la spesa per un uso successivo, rimanere in un posto o aiutarci a far crescere i microbi più utili per noi.

Ma la fermentazione presenta anche alcuni vantaggi meno ovvi che potrebbero essere stati fondamentali per l’evoluzione umana, come la capacità di trasmettere determinati tipi di batteri da una persona all’altra.

La chicha, una bevanda fermentata, ne è un esempio. Il modo ancestrale di preparare questa bevanda è di masticare il mais e poi sputarlo: i batteri salivari iniziano il processo di fermentazione. Quando questa bevanda è stata successivamente condivisa, i consumatori sono stati “inoculati” e la diffusione di alcuni tipi di microbi in tutta la comunità è stata favorita.

La chicha è solo un esempio, ma alla fine la fermentazione costituisce un processo poco apprezzato nell’evoluzione umana in cui microbi, rituali sociali e sopravvivenza sono profondamente intrecciati.