coronavirus-pipistrelli-africani

Una recente variante del coronavirus ci tiene tutti in allerta. Ha avuto le sue origini nella città cinese di Wuhan, nel dicembre dello scorso anno. Da allora si è diffuso in tutto il mondo ed è vicino ad aver mietuto oltre 79.000 individui contagiati e infetti.

Le morti fino ad oggi, dovute a questa malattia, ammontano a oltre 2.000 e sembra che presto ci sarà una diminuzione dei casi. Dal momento che non è stato ancora possibile individuare un vaccino in grado di contrastare gli effetti della malattia la psicosi è il reale pericolo.

In questo momento, medici e scienziati stanno lavorando duramente alla ricerca di tale cura. Tuttavia, altri si stanno anche concentrando sulla localizzazione delle origini della malattia, in modo che si possa evitare che questo o qualsiasi altro abbia la possibilità di causare problemi in futuro.

 

L’inizio della catena

Diversi studi hanno cercato di determinare l’origine dell’ormai noto COVID-19. Tuttavia, non sono ancora arrivati ​​a concordare pienamente su quale sia stato probabilmente il primo anello della catena.

Tutti hanno concordato sul fatto che questo virus ha un’origine animale e che il suo ospite iniziale, a differenza degli umani, non è influenzato da questo virus. Tra le diverse teorie che si pongono nei confronti dell’animale misterioso, una delle più accettate è che l’origine di tutto fossero i pipistrelli in Cina.

È noto che questi erano gli ospiti di altri coronavirus come la SARS e che il contagio si verifica attraverso escrezioni fecali. Cosa che, non solo crea una diffusione tra loro, ma anche induce al trasporto del virus ad altri animali.

 

Il segreto è nella varietà

Chiaramente, l’epidemia più recente del coronavirus deve avere origine in qualche creatura nativa della Cina. Se consideriamo che questo potrebbe essere stato il pipistrello, allora dobbiamo anche tenere conto del fatto che la Cina non è l’unico spazio al mondo in cui vivono.

È già chiaro che queste creature sono di solito un host comune per i coronavirus e, quindi, anche un campo di coltivazione in cui possono evolversi. Da quando è stato dimostrato che il coronavirus è in grado di incrociarsi tra loro per creare nuove varianti.

Pertanto, più pipistrelli ci sono – di varie specie – maggiore è la possibilità che questo virus continui a mutare ed evolversi. In Africa, esiste uno dei più grandi numeri di pipistrelli al mondo, con 40 specie diverse che vivono nel territorio.

A causa di ciò, questi spazi diventano un fattore particolarmente delicato quando si tratta di questo tipo di malattie. Poiché i suoi spazi offrono una possibilità di mutazione e ricreazione che può essere molto utile per il coronavirus e non tanto per la salute globale.

pipistrello-ferro-cavallo

 

Il coronavirus e pipistrelli africani

Come abbiamo accennato, il coronavirus ha la possibilità di mutare quando combinato con altre sue varianti. Pertanto, purché non sia adeguatamente contenuto e monitorato, la possibilità che si ripresenti un problema come COVID-19 rimane latente.

Come risposta, diversi ricercatori si sono dedicati allo studio di pipistrelli africani alla ricerca di indizi su possibili minacce future. Non è stato ancora effettuato uno studio approfondito per analizzare tutte le specie o le variabili di contagio esistenti.

Tuttavia, dei progressi che sono stati fatti, c’è la certezza che il pipistrello a ferro di cavallo è uno dei più importanti in quest’area. Questo perché è uno degli host preferiti del coronavirus. Pertanto, in studi futuri, questa è la specie che dovrebbe ricevere maggiore attenzione, a causa dell’alta possibilità che queste possano essere la culla di una nuova variante del coronavirus.

 

L’importanza di questi studi

Le vere pratiche sulla salute non hanno inizio quando il problema è già latente, ma dalla prevenzione. Pertanto, mentre si fatica a contenere il contagio che è già in atto, è anche importante guardare oltre e iniziare a cercare mezzi attraverso i quali impedire che eventi come questi si ripetano.

Come accennato, il gran numero di specie di pipistrelli in Africa, e in particolare la presenza del pipistrello a ferro di cavallo, lo rendono una possibile culla per future varianti del coronavirus. Studiando queste creature, tenendo traccia di loro, dei loro rituali, dei luoghi a cui accedono e dei tipi di coronavirus che possono trasportare, sarebbe un passo avanti nella lotta per controllare i progressi di questo tipo di virus che prima abbiamo introdotto il SARS e ora il COVID-19.