diabete-tipo-2

Il diabete di tipo 2 (T2D) è un disturbo metabolico dell’insulino-resistenza – una ridotta sensibilità all’azione dell’insulina – che porta ad alti livelli di zucchero nel sangue o iperglicemia. Si tratta di una delle maggiori preoccupazioni per la salute pubblica, poiché T2D aumenta notevolmente il rischio di malattie cardiache, inclusi attacchi di cuore, fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca.

Lo sviluppo e la progressione del T2D sono influenzati da molti fattori. Alcuni, come la razza/etnia, l’età e il genere di una persona non possono essere modificati. Altri, tra cui peso corporeo, esercizio fisico e dieta possono essere modificati.

 

I cambiamenti nello stile di vita possono aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache in caso di diabete?

Nel 2010, l’American Heart Association (AHA) ha pubblicato “Life’s Simple 7“, che ha definito come “sette fattori di rischio che le persone possono migliorare attraverso cambiamenti nello stile di vita per aiutare a raggiungere la salute cardiovascolare ideale“. Simple 7 ha toccato lo stato di fumo, l’attività fisica, il peso corporeo ideale, l’assunzione di frutta e verdura fresca, zucchero nel sangue, livelli di colesterolo e pressione sanguigna.

Studi successivi hanno scoperto che le persone nelle gamme ottimali per ciascuno di questi fattori avevano minori rischi di malattie cardiache rispetto alle persone nelle gamme scarse. Ma dato il significativo aumento del rischio di malattie cardiache in pazienti con T2D, non era chiaro se l’impatto di questi fattori modificabili sarebbe valido per la popolazione di T2D.

 

Uno studio recente suggerisce che i cambiamenti nello stile di vita giovano al T2D e al prediabete

Un recente studio pubblicato su JAMA Cardiology ha esaminato se le metriche cardiovascolari ideali (CV) trattate in Life’s Simple 7 si traducono in un miglioramento della salute del CV per i pazienti con T2D o prediabete. I risultati sono stati entusiasmanti e coerenti con altri grandi studi basati sulla popolazione. I pazienti che avevano cinque o più misure CV ideali non avevano eccessi di eventi CV rispetto alle persone con livelli normali di zucchero nel sangue. Gli eventi CV misurati nello studio includevano morte, infarto, ictus e insufficienza cardiaca. Ogni ulteriore metrica di salute ideale era associata a un ulteriore calo del 18% nel rischio di eventi CV per le persone con T2D e un ulteriore calo del 15% per quelli con prediabete.

Questo è stato uno studio prospettico, osservazionale, che ha esaminato l’associazione dei soli fattori di rischio. Non è stato uno studio randomizzato che ha esaminato un intervento. Di conseguenza, non possiamo trarre conclusioni su causa ed effetto. Tuttavia, questo è il primo studio a mostrare un’associazione positiva tra fattori ideali di stile di vita e salute CV nelle persone ad alto rischio di CVD a causa di T2D. Questi risultati mostrano l’importanza delle nostre scelte di vita, suggerendo che il rispetto delle metriche di salute ideali può aiutare a ridurre il rischio di eventi CV.