luna-nuova-terra-spazio

Osservando lo spazio, il 19 febbraio alcuni astronomi del Catalina Sky Survey in Arizona hanno individuato qualcosa di particolare. Si tratta di un piccolo oggetto che si muove molto rapidamente. Successivamente al primo avvistamento, altri astronomi sparsi per il mondo lo hanno rivisto. Per il momento il suono nome è CD3 2020 ed è una nuova luna del nostro pianeta.

Perché ha vinto già il titolo di nuova luna? Perché i calcoli fatti hanno dimostrato che tale oggetto, un piccolo meteorite della grandezza di una macchina, è legato all’orbita terrestre da quasi 3 anni. Ci impiega 47 giorni a compiere un intero giro con una traiettoria ampia e di forma ovale.

Questa nuova luna non durerà molto però. Apparentemente si sta allontanando sempre di più e a un certo punto abbandonerà il sistema Terra-Luna.

 

La nuova, ma temporanea Luna della Terra

CD3 2020 ha una larghezza non ancora individuata con precisione. Dovrebbe essere tra i 2 e i 3,5 metri. Appunto, risulta molto piccola e definirla come luna potrebbe sembrare strano. In realtà non è il primo oggetto del genere che viene individuato, ma è il secondo confermato.

Il primo asteroide a essere stato individuato è stato RH120 il quale è rimasto intrappolato nel sistema Terra-Luna poco meno di un anno, tra settembre 2006 e giugno 2007. Sulla durata di CD3 2020 non si può prevedere niente anche perché al momento non tutti gli astronomi sembrano concordare su alcuni aspetti. L’oggetto è stato scoperto da poco quindi c’è ancora bisogno di un studio approfondito. Un team internazionale si è già messo al lavoro.