Da qualche parte in Cina, un pipistrello vola attraverso il cielo e lascia una scia di coronavirus nei suoi escrementi, che cadono tra il fogliame di una foresta. Un animale selvatico, forse un pangolino che cerca insetti tra le foglie, entra in contatto con le feci e con il virus.

Il temuto coronavirus circola tra gli animali della fauna selvatica. Alla fine uno di questi viene catturato, entra in contatto con l’uomo e in qualche modo una persona viene infettata. E questo individuo a sua volta lo trasmette ai suoi simili al mercato, dove vengono venduti altri animali selvatici. È nato un focolaio globale, che secondo l’OMS potrebbe essere una “pandemia”.

Gli scienziati stanno provando a dimostrare la verità di questo scenario mentre avanzano le loro ricerche su come gli animali siano il veicolo di questo virus che ora rappresenta una minaccia per l’uomo. Una vasta gamma di animali può essere servita da “ospite” del virus, in particolare il pipistrello, noto per trasportare un numero considerevole di diversi coronavirus.

Quindi, quanto sappiamo del “trasferimento indiretto”, come è noto nel mondo scientifico a quel trasferimento del virus da un essere vivente ad un altro?

coronavirus-microscopio

 

Come nasce Covid-19

Quando gli scienziati sono riusciti a decifrare il codice genetico del nuovo coronavirus, chiamato Covid-19, dopo aver prelevato un campione da un paziente infetto, i pipistrelli erano i principali coinvolti. Questi mammiferi vivono in enormi colonie, volano per lunghe distanze e sono presenti in quasi tutti i continenti. E la cosa più strana: non si ammalano molto, ma hanno la capacità di diffondere agenti patogeni a grande distanza e in modo molto ampio. Non c’è dubbio che il comportamento dei pipistrelli abbia contribuito a diffondere il virus. “Considerando il modo in cui vivono, è normale che abbiano un’ampia varietà di virus. E poiché sono mammiferi, esiste la possibilità che alcuni di essi possano infettare l’uomo direttamente o attraverso una specie ospite intermedia“, ha aggiunto il professor Jonathan Ball dell’Università di Nottingham.

Ora, la seconda parte di questo enigma è stabilire l’identità dell’animale misterioso che ha incubato il virus nel suo corpo e che potrebbe averlo fatto finire in un mercato a Wuhan, in Cina, dove si trova l’epicentro del contagio.

 

Il principale sospettato è un pangolino

Questo animale, un mammifero che si nutre di formiche, è forse la specie più trafficata al mondo – il che lo ha anche messo in pericolo di estinzione.

La particolare pelle della pangolina è molto richiesta, specialmente per uso medicinale in Cina, anche se la sua carne è richiesta in altri Paesi. I coronavirus sono stati rilevati nei pangolini e, secondo alcuni scienziati, un tipo molto vicino a quello che sta causando questo focolaio.

Ci sono molte domande a riguardo: gli animali dovrebbero essere esaminati direttamente in natura (il che è più importante per il risultato) o semplicemente si tratterebbe dei pangolini che erano già nel mercato di Wuhan (nel qual caso le conclusioni sul fatto che siano i vettori del virus non sono abbastanza robuste)?”, osservano gli scienziati.

I pangolini e altri animali selvatici, tra cui una varietà di pipistrelli, sono ampiamente venduti nei mercati cinesi, il che rende più facile la trasmissione dei virus. “Questi mercati creano le condizioni ideali affinché i virus possano mutare e saltare da una specie all’altra, compresi gli umani“, hanno aggiunto.

 

Il mercato

Il mercato di Wuhan, che è stato chiuso dopo l’epidemia, aveva una sezione di animali selvatici, dove venivano macellati diversi esemplari le cui parti venivano poi vendute come cibo, come cammelli, koala e diverse specie di uccelli. In alcuni luoghi sono stati venduti cuccioli di lupi, cicale, scorpioni, ratti, scoiattoli, volpi, zibetti, istrici, salamandre, tartarughe e coccodrilli. Per quanto ne sappiamo, pipistrelli e pangolini non erano in quella lista, ma le autorità cinesi hanno informazioni specifiche su quali animali sono stati venduti in quel mercato.

Se si è verificata la mutazione nel virus, dobbiamo sapere se accadrà di nuovo. È fondamentale dal punto di vista della salute pubblica. Dobbiamo conoscere in modo specifico il tipo di animale e i rischi che esistono che potrebbe esserci un’altra mutazione, un altro cambiamento nel virus“, riferiscono gli esperti.

Molti dei virus che sono diventati familiari – a causa della loro portata – negli ultimi anni provengono originariamente da animali. Questa è la storia di Ebola, HIV, SARS e ora il coronavirus. Il professor Jones insiste sul fatto che ciò potrebbe essere dovuto alla nostra crescente capacità di rilevarli, alla connettività sempre più onnipresente o all’invasione di habitat selvatici, “cambiando paesaggio ed entrando in contatto con nuovi virus che la popolazione umana non ha mai visto prima. Se comprendiamo i fattori di rischio, possiamo prendere provvedimenti per impedire che si verifichino in primo luogo senza influire negativamente sugli animali selvatici“.

I conservazionisti si sforzano di sottolineare che, sebbene si ritiene che i pipistrelli portino molti virus, sono anche essenziali per il funzionamento degli ecosistemi. “I pipistrelli insettivori mangiano grandi quantità di insetti come zanzare e parassiti agricoli, mentre i pipistrelli che si nutrono di frutta impollinano gli alberi e diffondono i loro semi“, ha osservato.

Dopo Sars nel 2002, causato da un coronavirus molto simile a quello che sta emergendo in Cina, vi fu un divieto temporaneo sui mercati di animali selvatici. Ma i mercati sono riapparsi rapidamente in Cina, Vietnam e altre parti del sud-est asiatico.

La Cina ha nuovamente sospeso l’acquisto e la vendita di prodotti di animali selvatici, che sono comunemente usati per alimenti, pelli e medicine tradizionali. I rapporti suggeriscono che questo provvedimento può essere reso permanente.

Anche se potremmo non sapere esattamente come o dove la malattia responsabile di molte morti abbia fatto il salto verso l’uomo, la professoressa Diana Bell dell’Università dell’East Anglia afferma che possiamo prevenire un’altra “tempesta perfetta”. “Stiamo raccogliendo animali di diversi Paesi, habitat diversi, stili di vita diversi, in termini di animali acquatici, animali arboricoli, ecc., e li mescoliamo ed è una specie di melting pot, e dobbiamo smettere di farlo“, ha concluso.