insetti

La metà delle milioni di specie animali e vegetali in via di estinzione sono insetti e gli scienziati informano, in un “avvertimento per l’umanità“, che la loro scomparsa potrebbe essere catastrofica. “L’attuale estinzione di insetti è profondamente preoccupante. Tuttavia, ciò che sappiamo è solo la punta dell’iceberg”, afferma Pedro Cardoso, biologo del Museo finlandese di storia naturale e autore principale dello studio pubblicato sulla rivista scientifica Biological Conservation.

L’attività umana è responsabile di quasi tutte le cadute e le estinzioni nella popolazione di insetti“, aggiunge il ricercatore, che include la diminuzione e il degrado dell’habitat; l’uso di inquinanti, in particolare insetticidi; specie invasive; sfruttamento eccessivo (oltre 2.000 specie di insetti fanno parte della dieta umana) e cambiamenti climatici. “Con l’estinzione degli insetti, perdiamo molto più delle specie. Molti insetti sono fornitori vitali di servizi insostituibili”- l’impollinazione, il ciclo dei nutrienti e il controllo dei parassiti sono alcuni di questi casi.

 

Stime non molto confortanti

Gli scienziati stimano che il numero di specie di insetti sia di circa 5,5 milioni. Di questo, solo un quinto degli animali è stato identificato. “Il numero di specie minacciate ed estinte è tristemente sottovalutato, perché molte sono rare o non sono ancora state descritte“, spiega il biologo.

La Lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura e delle risorse naturali (IUCN) ha valutato solo 8.400 specie di insetti su un milione in via di estinzione che è noto esistano.

Un quarto di secolo fa, gli scienziati hanno emesso un primo “avvertimento per l’umanità” sul crollo della natura. Nel 2017, hanno emesso un secondo avvertimento, firmato da 15.000 scienziati. Quanti avvisi ci vorranno per cambiare?