Utilizzando cellule staminali umane, un team di scienziati negli Stati Uniti è stato in grado di eliminare gli effetti del diabete nei topi di laboratorio. In una dichiarazione, gli scienziati dell’Università della Washington School of Medicine negli Stati Uniti hanno spiegato di aver convertito le cellule staminali umane in cellule secernenti insulina che sono state successivamente innestate in cavie.

Gli scienziati sono stati in grado di controllare i livelli di zucchero negli animali che hanno ricevuto queste cellule e sono stati curati dalla patologia per almeno nove mesi. “Questi ratti avevano il diabete in una condizione già molto grave, registrando letture di zucchero nel sangue di oltre 500 milligrammi per decilitro di sangue – livelli che possono essere fatali per una persona – e quando abbiamo dato alle cavie cellule che secernono insulina, i loro livelli di glucosio sono tornati alla normalità e sono rimasti così per molti mesi“, ha affermato Jeffrey R. Millman, il principale investigatore dello studio, citato nello stesso comunicato stampa.

Diversi anni fa, lo stesso team ha scoperto come convertire le cellule staminali umane in cellule beta del pancreas che producono insulina. Quando queste cellule trovano zucchero nel sangue, secernono insulina. Tuttavia, le indagini condotte in precedenza presentavano alcune limitazioni, poiché non potevano controllare la malattia nelle cavie o curarla.

 

La nuova tecnica produce più cellule beta

Ora, gli scienziati hanno sviluppato una nuova tecnica in grado di convertire le cellule staminali umane in modo più efficiente in cellule produttrici di insulina, che possono controllare i livelli di zucchero e persino decimare la malattia.

Un problema comune quando stiamo cercando di trasformare una cellula staminale umana in una cellula beta che produce insulina – o un neurone in una cellula cardiaca – è che produciamo anche altre cellule che non vogliamo (…). Nel caso delle cellule beta, possiamo ottenere altri tipi pancreas o cellula epatica“, ha spiegato.

Le cellule del fegato e del pancreas non sono dannose quando impiantati in topi, ma anche non combattono il diabete. “Più cellule sono state prese di mira, meno cellule terapeuticamente rilevanti otteniamo. Abbiamo bisogno di un miliardo di cellule beta per curare una persona con diabete. Ma se un quarto delle cellule che produciamo sono in realtà cellule di fegato o pancreas anziché cellule beta, avremo bisogno di 1,25 miliardi di cellule. E questo rende il 25% più difficile per curare la malattia”.

La nota tecnica, ha proseguito, consente di produrre più cellule beta e queste cellule funzionano meglio nelle cavie, alcune delle quali sono state curate per più di un anno.

Millman riconosce che il percorso è ancora lungo fino a quando non sarà possibile replicare questa tecnica nell’uomo, ma sottolinea che si tratta di un’importante scoperta per il campo.

I risultati della ricerca sono stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica specializzata Nature Biotechnology.