Nella Bibbia, l’Arca di Noè è l’imbarcazione usata durante l’inondazione della Genesi, attraverso la quale Dio risparmia Noè, la sua famiglia e una selezione di tutti gli animali dalla fine del mondo. Fino ai tempi moderni, la maggior parte dei cristiani ipotizzava che la storia si riferisse a un vero evento mondiale accaduto in un passato relativamente recente, ma la scienza moderna ha suggerito che non c’è mai stata un’alluvione globale di questo tipo. Invece, lo storico Matthew Sibson ha avanzato una teoria secondo cui la storia ha effettivamente narrato una grande inondazione in Medio Oriente, dove gli egiziani usarono la Grande Piramide di Giza per proteggersi dal disastro.

La teoria si basa sulla scoperta di una bomba nel 2016. E gli scienziati affermano: “I Rotoli del Mar Morto sono stati scoperti dai pastori beduini più di 50 anni fa nelle Grotte di Qumran nel deserto della Giudea in Cisgiordania vicino al Mar Morto“. La scoperta conteneva circa 800 manoscritti, ritenuti risalenti a circa 2000 anni fa e conteneva una serie di storie bibliche e non bibliche, offrendo agli esperti uno sguardo al passato.

Alcuni l’hanno definita la più grande scoperta archeologica del 20° secolo, ma gli scienziati che hanno lavorato al progetto della Biblioteca digitale di rotoli del Mar Morto di Leon Levy hanno scansionato decine di migliaia di frammenti di pergamene con una macchina fotografica su misura, che utilizzava diverse lunghezze d’onda della luce“.

 

L’arca di Noè era in realtà la Grande Piramide di Giza?

Prima d’ora, per quanto riguarda la storia dell’Arca di Noè, gli studiosi non erano stati in grado di leggere la parola dopo la frase ebraica “altezza dell’arca“, ma le nuove scansioni hanno rivelato la parola “ne’esefat“.

La traduzione di questa parola dall’ebraico in inglese significa raccolta, che secondo il dott. Alexey Yuditsky dell’Università ebraica di Gerusalemme significa che le costole dell’arca erano raccolte in alto per formare una forma di una piramide“.

Ma ci sono più prove che rivelano una descrizione dell’Arca come una piramide. Una traduzione greca dell’Antico Testamento, che risale al terzo secolo a.C., descrive l’arca a forma di piramide, usando un verbo greco che ha anche un significato simile a “raccolto”.

Numerosi autori medievali come Maimonide suggerirono anche che l’Arca di Noè aveva una forma a piramide. “Molti credono che l’Arca di Noè sia solo un mito e alcuni credono che descriva un’alluvione globale, ma potrebbe essere la rivisitazione di una storia incentrata sull’alluvione in Medio Oriente. L’idea di un’arca a forma di piramide, ovviamente, ci fa pensare all’antico Egitto e sappiamo che l’Egitto è fortemente presente nell’Antico Testamento“.

Se la storia dovesse essere la rivisitazione di una grande inondazione in Egitto, allora forse c’è qualche verità sull’idea che è stata persa nella traduzione. “Ci sono prove elaborate nelle porte in bronzo del Battistero di Firenze, create da Lorenzo Ghiberti, che morì nel XV secolo. Le porte furono completate nei primi anni del 1400 e mostrano scene dell’Antico Testamento. Una illustra il periodo immediatamente successivo al Diluvio biblico quando Noè ritorna sulla terraferma, Ghiberti raffigura l’arca come una piramide“, spiegano.

Alcuni studiosi affermano che la Grande Piramide d’Egitto fu costruita per riflettere il  tumulo primordiale che, secondo la tradizione egizia antica, emerse dalla distesa delle acque primordiali. “Questa storia non è pensata per essere letterale, ma la Grande Piramide potrebbe effettivamente essere stata una struttura per sopravvivere a un’alluvione? Forse le élite egiziane hanno costruito il loro monte primordiale per sfuggire a un’imminente alluvione“.