covid-10-tesla

Il produttore di auto elettriche Tesla ha installato processori più vecchi e più lenti sulle nuove automobili Model 3 realizzate in Cina a causa di problemi di fornitura causati da Covid-19. Secondo l’emittente britannica BBC, che anticipa la notizia, la compagnia di Elon Musk ha ricevuto lamentele da parte dei proprietari di questo modello in Cina, i quali hanno scoperto che le loro auto appena acquistate erano dotate di chip più vecchi.

Il chip in questione viene utilizzato dal sistema di pilota automatico dell’auto. I proprietari sperano di trovare il processore 3.0 sui loro veicoli fabbricati in Cina – che è stato incluso nelle auto dell’azienda americana dall’aprile dello scorso anno – ma le auto erano dotate della versione 2.5.

 

Tesla vs Covid-19

In una dichiarazione, la società ha spiegato che il cambiamento era legato a problemi di approvvigionamento in Cina, dove era “nata” la “nuova polmonite virale” che ha già infettato oltre 90.000 persone in tutto il mondo. Tesla ha anche promesso di aggiornare gratuitamente il software dei clienti interessati una volta risolto il problema.

Si ricorda che lo stabilimento di Tesla Shanghai, chiuso a fine gennaio a causa del coronavirus, è stato riaperto il 10 febbraio.

L’epidemia di Covid-19, rilevata a dicembre in Cina, che potrebbe portare infezioni respiratorie come la polmonite, ha causato almeno 3.200 morti e ha infettato più di 94.000 persone, secondo i dati riportati da 60 paesi. Delle persone infette, circa 50.000 si sono già riprese.

Oltre alle 2.873 morti in Cina, ci sono decessi in Iran, Italia, Corea del Sud, Giappone, Francia, Taiwan, Australia, Thailandia, Stati Uniti d’America e Filippine.