coronavirus malattie

La visione globale del coronavirus COVID-19 cambia costantemente ogni giorno. Recentemente gli Stati Uniti e non solo hanno dichiarato lo stato d’emergenza nazionale.

La pandemia COVID-19 si è diffusa in ogni angolo del mondo. Il destino è incerto e mentre fonti cinesi affermano che l’epidemia sta rallentando, alcuni esperti sostengono che dovremmo prepararci a mesi di quarantena prima che il virus venga esaminato. Questo è il motivo per cui al momento sappiamo davvero poco del COVID-19. Ecco perché segue un elenco che confronta le malattie prevalenti di oggi con il coronavirus 2019.

coronavirus malattie

1. Influenza di stagione

La malattia infettiva COVID-19 è spesso paragonata all’influenza stagionale, o influenza, ma così non è.

Sebbene molti dei sintomi più comuni siano simili – dolori muscolari, mal di gola e febbre – il tasso di riproduzione del coronavirus COVID-19 è significativamente più alto di quello dell’influenza stagionale; gli esperti stimano che ogni malato di COVID-19 infetti tra le due o tre persone, mentre l’influenza stagionale in genere infetta 1,3 nuove persone per ogni individuo infetto.

Poi c’è il tasso di mortalità. COVID-19 ha dimostrato di essere fatale in circa il 3,5% dei casi confermati, come riportato da ScienceAlert. Sebbene non disponiamo di dati sufficienti per conoscere l’esatto tasso di mortalità, l’influenza stagionale in genere uccide solo lo 0,1% di quelli infetti.

Poi c’è il fatto che non abbiamo un vaccino, così come il fatto che la pandemia di coronavirus ha il potenziale per sopraffare i sistemi sanitari in tutto il mondo, portando a decessi per le persone con altri disturbi che altrimenti sarebbero stati curati.

coronavirus malattie

2. SARS

Un altro esempio di coronavirus è la SARS che viene spesso paragonata al COVID-19.

La SARS, nota anche come sindrome respiratoria acuta grave, è stata identificata per la prima volta nel novembre 2002 nella provincia del Guangdong, nel sud della Cina. Il coronavirus SARS, che ha anche causato una malattia respiratoria virale, è stato infine contenuto nel luglio 2003. Prima di farlo, si è diffuso in 26 paesi in Nord America, Sud America, Europa e Asia.

Sebbene la comunità sanitaria globale abbia appreso molto dalla SARS, il coronavirus di quest’anno ha superato di gran lunga il danno causato da quest’ultima. Durante l’epidemia sono stati segnalati 8.098 casi di SARS e 774 decessi. Secondo i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, dal 2004 non sono noti nuovi casi di SARS.

Sebbene la SARS abbia ucciso il 10% dei pazienti, rendendolo più mortale rispetto ai malati di COVID-19, ha infettato la popolazione per un periodo di tempo più lungo.

coronavirus malattie

3. MERS

Un altro recente coronavirus, MERS o sindrome respiratoria del Medio Oriente, è stato segnalato per la prima volta in Arabia Saudita nel 2012 e si è diffuso in 27 paesi in Europa, Africa, Asia e Nord America.

Il COVID-19 probabilmente ha avuto origine dai pipistrelli e successivamente è stato trasmesso all’uomo da un animale ancora sconosciuto. Si pensa che anche il MERS sia stato attaccato all’uomo attraverso i cammelli che originariamente avevano la malattia dei pipistrelli.

Da quando è stato identificato per la prima volta, sono stati segnalati 2.494 casi di MERS e 858 decessi. Le infezioni si sono verificate principalmente a causa del contatto ravvicinato tra gli esseri umani.

Sebbene il tasso di mortalità di MERS sia molto elevato del 34% (molto più alto di COVID-19), la bassa trasmissione rispetto al coronavirus che ha avuto origine a Wuhan significa che il bilancio delle vittime è rimasto relativamente basso.

coronavirus malattie

4. HIV/AIDS

Sapevate che prima del coronavirus COVID-19 esisteva già un’altra pandemia in corso nel mondo? La pandemia di HIV/AIDS è iniziata nel 1960 e continua ancora oggi. Tuttavia il picco dell’isteria che circonda la malattia arrivò negli anni ’80, quando il mondo divenne ampiamente informato sulla sua esistenza.

Dal 1960 al 2020, il virus ha causato oltre 39 milioni di morti. La cura è stata resa disponibile per la prima volta per le persone con HIV/AIDS nel 1987 e proprio la scorsa settimana è stata annunciata la seconda persona guarita dall’HIV.

Oggi ci sono circa 37 milioni di persone che vivono con l’HIV e i casi sono stati ridotti del 40% dal suo picco nel 1997, poiché l’accesso ai farmaci antiretrovirali ha esteso notevolmente l’aspettativa di vita. Oggi, circa il 68% dei casi globali di HIV/AIDS si trova nell’Africa subsahariana. Ciò è dovuto in gran parte alle cattive condizioni economiche e alla mancanza di educazione sessuale.

coronavirus malattie

5. Ebola

A differenza del coronavirus COVID-19, l’Ebola, noto anche come EVD, non è una malattia dispersa nell’aria; l’infezione si verifica esclusivamente quando qualcuno entra in contatto diretto con fluidi corporei di alcuni infetti.

Recenti focolai di infezione virale, rilevata per la prima volta durante un’epidemia nel 1976 vicino al fiume Ebola in quella che oggi è conosciuta come la Repubblica Democratica del Congo, hanno portato a picchi allarmanti di morti per virus.

L’ebola è un altro virus che si pensa abbia avuto origine dai pipistrelli – in questo caso, in particolare, i pipistrelli della frutta, che sono una prelibatezza locale dove è iniziata l’epidemia. L’ebola ha causato la morte di circa 11.325 persone tra il 2014 e il 2016 e il tasso di mortalità si attesta in media al 50%, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

coronavirus malattie

6. Meningite

La meningite è causata dall’infiammazione delle meningi. Queste sono membrane che coprono il cervello e il midollo spinale. La malattia infettiva è spesso causata da funghi, virus e batteri, anche se è anche possibile ottenerla dopo aver subito un trauma cranico, un intervento chirurgico al cervello o alcuni tipi specifici di cancro.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, piccoli focolai di meningite si verificano sporadicamente in tutto il mondo, ad eccezione della meningite africana, dove focolai di grandi dimensioni sono comuni e rappresentano la maggior parte dei decessi.

La malattia può causare sintomi similinfluenzali, nonché vomito, nausea, aumento della sensibilità alla luce e uno stato mentale confuso.

coronavirus malattie

7. Malaria

La malaria è causata da un parassita trasportato dalle zanzare. I sintomi iniziali includono febbre, brividi e sintomi simil-influenzali, che possono rapidamente evolvere in complicanze più gravi.

La malattia fu eliminata dagli Stati Uniti nel 1951 grazie al pesticida DDT. Sono in corso campagne per distribuire zanzariere per aiutare a prevenire la malattia nei paesi più poveri.

Nel 2018, l’Africa ha visto il 93% dei casi di malaria e il 94% dei decessi per malaria.