sottomarino royal navy

Una società di Plymouth ha vinto un contratto del Ministero della Difesa da 1 milione di sterline per costruire un nuovo sottomarino autonomo che potrebbe essere un “punto di svolta” per la Royal Navy.

MSubs Ltd, con sede negli Stati Uniti, fornirà al servizio un veicolo sottomarino di 30 metri, con un’autonomia fino a 3.000 miglia nautiche. Il Ministro della Difesa Jeremy Quin ha dichiarato che il progetto “potrebbe essere un punto di svolta per la capacità subacquea del Regno Unito” e porterà il servizio sottomarino “al livello successivo”.

Con una lunghezza di circa 30 piedi, questo sommergibile autonomo extra-large è significativamente più grande dei sottomarini autonomi utilizzati per la ricognizione delle spiagge, consentendogli di operare a una distanza di 3000 miglia nautiche.

sottomarino royal navy

Una nuova risorsa che pone la Royal Navy in una posizione di vantaggio nella guerra subacquea

Il primo ammiraglio Lord Tony Radakin ha dato la notizia alla Conferenza sulla Difesa e la Sicurezza Subacquea. Ha affermato che il Ministero della Difesa vuole aumentare la sua presenza nello spazio di battaglia sottomarino e sta esplorando l’uso di veicoli sottomarini autonomi di grandi dimensioni (XLUUV) per operazioni di sorveglianza, ricognizione e guerra antisommergibile.

Un portavoce della Royal Navy ha dichiarato: “I sottomarini XLUUV sono particolarmente utili nella raccolta di informazioni segrete. Possono lasciare il loro bacino autonomamente e segretamente spostarsi nell’area operativa senza alcun equipaggio imbarcato per un massimo di tre mesi. Sono anche in grado di rilevare obiettivi e rapporti ostili rendendoli una risorsa importante per la guerra subacquea”.

“Sono lieto che questo finanziamento supporti MSubs Ltd. Questo è un esempio chiave di come la difesa sta facendo più che mai per dare all’industria l’opportunità di ricercare nuove tecnologie innovative,” ha dichiarato il Ministro della Difesa Jeremy Quin.

“Il coinvolgimento di DASA sta permettendo a questa tecnologia di avanzare a un ritmo molto più veloce e di fornire nuove capacità alla Royal Navy anni prima di quanto altrimenti possibile, assicurandosi che il Regno Unito rimanga un passo in avanti rispetto i nostri avversari,” ha riferito Adam Moore, direttore delle consegne di DASA.

Stando al Ministero della Difesa, se i test iniziali avranno un esito positivo, un’altro milione e mezzo di sterline verrà investito per testare ulteriormente le nuove capacità che lo rendono il più grande contratto congiunto assegnato nell’ambito di una competizione DASA.

sottomarino royal navy

MSubs Moray XLUUV

MSubs afferma che il suo Moray XLUUV è un sistema multi-ruolo progettato per operazioni di sensibilizzazione del dominio marittimo. “Dal design modulare, può essere configurato per specifici ruoli offensivi e difensivi di ASW, ASuW, MCM, ISR in tutti gli ambienti di minaccia”, continua il sito web.

“Moray si avvale di comprovate tecnologie per fornire una forza versatile a una frazione del costo di un sistema con equipaggio. È progettato per funzionare in modo indipendente e senza pilota per assistere nella localizzazione dei Contatti di Interesse (COI).”

“I COI comprendono navi di superficie e sottosuolo (inclusi AUV), oggetti simili a mine ed emissioni specifiche sullo spettro EM. Oltre a una vasta gamma di ruoli primari, il design modulare di MORAY si presta a molte funzioni secondarie. “