calore-oceano

L’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) ha avvertito che gli oceani assorbono oltre il 90% del calore prodotto sulla Terra, il che porta a catastrofi naturali più forti, come nel 2019, alla fine del decennio più caldo mai registrato.

Secondo la Dichiarazione annuale sullo stato del clima 2019, presentata dal segretario generale dell’OMM, Petteri Taalas, gli oceani sono un elemento centrale del cambiamento climatico in quanto assorbono oltre il 90% del “calore supplementare” prodotto dall’uomo.

I cambiamenti climatici generati dallo stoccaggio negli oceani del riscaldamento globale provocano una maggiore frequenza di fenomeni meteorologici estremi come cicloni e tempeste tropicali, disastri idrologici come alluvioni o frane e fenomeni climatologici come temperature estreme, siccità e incendi boschivi.

L’OMM ha annunciato a gennaio che il 2019 è stato il secondo anno più caldo mai registrato, dopo il 2016, e che il periodo tra il 2010 e il 2019 è stato il decennio più caldo mai registrato.

La Dichiarazione sullo stato climatico del 2019 fa avanzare che l’innalzamento del livello del mare è tra i tre e i quattro millimetri all’anno, il ritmo più veloce di sempre, che provoca l’aggravamento di tempeste tropicali, tifoni e cicloni, osservati in più aree geografiche.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha aggiunto che gli oceani assorbono calore equivalente a cinque bombe atomiche di Hiroshima al secondo e che la concentrazione di gas a effetto serra ha raggiunto il livello più alto negli ultimi tre milioni di anni.

 

Il peggior ciclone nell’emisfero meridionale in un secolo

Petteri Talas ha ricordato che il ciclone Idai, che ha colpito Mozambico, Zimbabwe e Malawi nel marzo 2019, è stato il peggior ciclone nell’emisfero meridionale in oltre un secolo, uccidendo circa 900 persone. Nel Mozambico centrale, la regione più colpita, Idai ha lasciato 604 morti.

L’anno scorso è stato anche segnato dall’uragano Dorian, che ha colpito le Bahamas e gli Stati Uniti e ucciso 70 persone e tifoni Hagibis in Giappone e Leima in Cina.

Il 2019 ha avuto anche l’estate più calda di sempre in Australia e gravi incendi boschivi e in Sud America (foresta amazzonica). Ci sono stati anche più incendi nelle regioni artiche (Canada, Russia o Svezia). Le ondate di calore hanno causato temperature record in paesi europei come Francia, Regno Unito, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo e Germania.

Secondo la Dichiarazione sullo stato del clima prodotta dall’OMM, il 91% della popolazione mondiale respira aria con più inquinanti di quelli considerati accettabili dall’Organizzazione mondiale della sanità. António Guterres ha affermato che il 2020 è un “anno cruciale nella risposta all’emergenza climatica“.

Il segretario generale delle Nazioni Unite ha affermato che ci si concentrerà su quattro priorità: la revisione di determinati contributi nazionali e piani climatici; l’adozione di strategie da parte di tutti i Paesi per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050; un “solido pacchetto di programmi, progetti e iniziative” per rafforzare la resistenza agli effetti dei cambiamenti climatici; e mobilitazione di 100 miliardi di dollari da parte dei paesi sviluppati per investire in tecnologie verdi.