strutture

Secondo uno studio, gli uomini primitivi che vissero durante le ere glaciali sono sopravvissuti alle temperature gelide creando degli enormi “cortili” e costruendo delle misteriose strutture circolari costruite con ossa, di cui non è ancora ben chiaro lo scopo. Gli scienziati britannici che hanno esaminato un sito in Russia hanno datato le ossa a circa 20.000 anni fa, quando gli umani vivevano in queste lande gelate.

strutture

Decine di ossa di mammut, renna, cavallo, orso, lupo e volpe sono state rinvenute nel sito. Si sa però che circa 70 di queste strutture sono state scoperte anche in Ucraina e nelle pianure della Russia occidentale, ma la scoperta più recente porta alla luce il sito più antico finora conosciuto. I ricercatori affermano che molto probabilmente le ossa provengono da cimiteri di animali: sono infatti state trovate 51 mascelle inferiori e 64 singoli teschi di mammut, forse utilizzati per costruire le pareti della struttura.

 

Queste strutture erano forse usate come cimiteri per animali

Per la prima volta, gli archeologi dell’Università di Exeter hanno poi trovato resti di legno carbonizzato e altri resti di piante nella struttura circolare vicino al moderno villaggio di Kostenki, a 400 chilometri a sud di Mosca. Secondo gli scienziati, queste scoperte potrebbero indicare che gli antichi usava bruciare legna e ossa al fine di ottenere del combustibile e che le comunità che vivevano lì avevano imparato dove cercare piante commestibili.

strutture

Il dottor Alexander Pryor, che ha guidato lo studio, ha affermato che il sito di Kostenki 11 rappresenta un raro esempio di insediamenti umani paleolitici in ambienti così ostili. Le ricostruzioni climatiche indicano che le estati erano brevi e fresche in queste zone, e che gli inverni lunghi e freddi portavano le temperature a scendere molto al di sotto dello zero. La maggior parte delle comunità ad un certo punto lasciò la regione, probabilmente a causa della mancanza di animali da predare e di risorse da cui dipendevano per la sopravvivenza, lasciandosi alle spalle anche le misteriose strutture circolari.