coronavirus-cani-gatti-contagio

Diverse settimane fa era arrivata un notizia non troppo felice da Hong Kong. Apparentemente anche i cani erano suscettibili a contrarre il coronavirus in questione, Covid-19. Tutt’ora, questo caso è rimasto l’unico e gli esperti ritengono che si tratti di un falso positivo dalla presenza “esterna” dell’agente patogeno.

Il cane apparteneva a una persona effettivamente contagiata dal coronavirus. Nel momento dell’analisi del cane, sono state trovate delle tracce, ma con una carica virale bassissima. Era ovvio che il contagio era avvenuto dall’uomo all’animale. In realtà è probabile che il cane non l’avesse contratto proprio. È invece probabile che il cane avesse nelle narici qualche traccia del virus che il tampone ha raccolto.

Coronavirus: la ricerca sugli animali domestici

Come detto, dopo questo caso particolare, non ce ne sono stati più. Ovviamente ci sono ricercatori impegnati nel capire se i nostri amati animali domestici siano in grado di diventare eventuali vettori, ma finora niente ha dimostrato tale tesi. Queste le parole di un’esperta: “In questo momento, le persone dovrebbero essere minimamente preoccupate per questo coronavirus che colpisce i loro animali domestici. Il virus sembra ben adattato per diffondersi tra le persone e, quindi, è improbabile che salti a cani o gatti.”

La dichiarazione del CDC, il Centro per il controllo delle malattie: “Mentre questo virus sembra essere emerso da una fonte animale, ora si sta diffondendo da persona a persona in Cina. Non c’è motivo di pensare che eventuali animali, compresi gli animali domestici negli Stati Uniti, possano essere una fonte di infezione da questo nuovo coronavirus. Tuttavia, poiché gli animali possono diffondere altre malattie alle persone, è sempre una buona idea lavarsi le mani dopo essere stato con gli animali “.