covid-economia

La crisi finanziaria del 2008 è stata grave, ma quella futura potrebbe essere anche peggiore, avverte l’analista Jesse Colombo. “Il ciclo è già ben avanzato e il coronavirus ha un doppio successo. Anche così, stavamo già andando verso la recessione prima che qualcuno avesse sentito parlare del coronavirus”, ha affermato l’analista, il quale ritiene che una serie di nuove bolle esploderanno nei mercati di tutto il mondo.

Per quanto grave possa essere stata la crisi del 2008, sarà molto peggio, perché ci sono molti più dubbi: quasi 100 miliardi di dollari di nuovo debito“, ha giustificato Colombo. I principali mercati finanziari sono crollati questo lunedì, dopo il calo fino al 30% dei prezzi del petrolio, causato dalla risposta dell’Arabia Saudita al fallimento del patto dei Paesi OPEC, nonché dalle preoccupazioni sollevate dalla diffusione dell’epidemia di coronavirus.

 

Il problema di base è molto più profondo

Ma per Jesse Colombo, questi due fattori non saranno i soli a dare la colpa per la nuova crisi che ci attende, poiché il problema di fondo è molto più profondo. A giugno dello scorso anno, le previsioni economiche hanno identificato le bolle in oltre 20 mercati, tra cui il mercato immobiliare europeo e il mercato azionario degli Stati Uniti.

L’esperto ha spiegato che queste bolle hanno alimentato gran parte della ripresa globale negli ultimi 12 anni. Uno dei più grandi è una bolla di credito cinese, in gran parte guidata dalla spesa in infrastrutture. “È l’illusione di una ripresa alimentata dall’inflazione dovuta alle bolle economiche. Ora penso che stia iniziando a esplodere“.

Ho creato un termine per spiegare questo fenomeno, chiamato Bubblecovery – una ripresa economica guidata dalla bolla“, ha affermato l’analista.