razer-mascherine

COVID-19 sta controllando l’intero pianeta senza eccezioni, e la verità è che situazioni allarmanti si stanno verificando ovunque. Nonostante quel che indica il suo tasso di mortalità, la facilità di trasmissione sta causando un gran numero di casi ogni giorno e la maggior parte dei sistemi sanitari non è preparata per un tale volume di pazienti.

Il problema più grande a questo proposito risiede soprattutto nella mancanza di materiale medico, che si è esaurito troppo rapidamente e attualmente non esistono mezzi di produzione in grado di soddisfare la sua domanda. Fortunatamente l’aiuto in questo senso viene da ogni parte, e il mondo dei videogiochi non sarebbe stato diverso. Ecco perché Razer, specializzata nella produzione di periferiche, ha promesso di adattare le sue fabbriche per produrre e donare 1 milione di maschere.

 

L’impatto dell’aiuto di Razer sarà evidente in tutto il mondo

Nelle parole di Min-Liang Tan, CEO di Razer, nonostante stiano attualmente ricevendo un aumento considerevole degli ordini per i loro prodotti (dal momento che le persone li usano di più da quando sono costrette a casa) la principale preoccupazione è quella di contribuire a quel granello di sabbia per aiutare tutti i sistemi sanitari e alleviare la loro mancanza di materiale.

Con il peggioramento della situazione COVID-19, le autorità sanitarie di tutto il mondo si trovano ad affrontare un’estrema carenza di maschere chirurgiche utilizzate dal personale sanitario di prima linea nella lotta contro il virus. Alcuni Paesi hanno addirittura vietato l’esportazione di maschere di fronte a gravi carenze.

Negli ultimi giorni, i nostri progettisti e ingegneri hanno lavorato a turni di 24 ore per convertire alcune delle nostre linee di produzione esistenti per produrre maschere chirurgiche in modo da poterle donare ai Paesi di tutto il mondo“, spiega.

E continua: “Intendiamo donare fino a un milione di maschere alle autorità sanitarie di diversi paesi del mondo. Per cominciare, abbiamo contattato le autorità di Singapore (dove si trova il quartier generale di Razer) per donare alcune delle spedizioni iniziali per aiutare nella loro lotta contro COVID-19“.