corea-sud-covid-19

L’intenso controllo della popolazione limita la privacy dei sudcoreani, ma è stata una parte cruciale del successo della Corea del Sud nella lotta al diffondersi del nuovo coronavirus.

La Corea del Sud è stata ampiamente elogiata per la gestione dell’epidemia e della diffusione della malattia da coronavirus Covid-19. L’attenzione si è concentrata in gran parte sull’enorme programma di test antivirus del Paese.

Ciò che non è stato così ampiamente pubblicizzato è l’uso intenso della tecnologia di sorveglianza nel Paese, principalmente CCTV e il monitoraggio dell’uso di carte bancarie e telefoni cellulari, per identificare chi doveva essere testato. E questa è una lezione importante per i Paesi più liberali che potrebbero essere meno tolleranti verso queste misure di violazione della privacy, ma che sperano di emulare il successo della Corea del Sud.

Sebbene Taiwan e Singapore abbiano eccelso nel contenere il coronavirus, la Corea del Sud e la Cina forniscono i migliori modelli per fermare le epidemie quando un gran numero di persone è stato infettato. La Cina ha messo in quarantena i pazienti confermati e potenziali e ha limitato i movimenti dei cittadini, nonché i viaggi internazionali.

Ma la Corea del Sud ha raggiunto un livello di controllo simile e un basso tasso di mortalità (attualmente l’1%) senza ricorrere a misure autoritarie. Questo sembra certamente essere lo standard per le nazioni democratiche liberali.

 

L’importanza di testare

La parte più evidente della strategia sudcoreana è abbastanza semplice: testare, testare e testare. Il Paese ha appreso la lezione dall’epidemia di MERS nel 2015 e ha riorganizzato il suo sistema di controllo delle malattie. Ha un buon sistema sanitario di grande capacità e una sofisticata industria biotecnologica in grado di produrre rapidamente kit di test.

Questi fattori consentono al Paese di eseguire 15.000 test al giorno, appena dietro la Cina in numero assoluto e il terzo al mondo per test per persona. Ma poiché Covid-19 è una malattia lieve per la maggior parte delle persone, solo una piccola parte dei pazienti è in contatto con le autorità sanitarie per eseguire test basati sui loro sintomi o sul contatto noto con le persone infette. Molti pazienti con sintomi lievi, in particolare i più piccoli, non si rendono conto di essere malati e di infettare gli altri.

Se questi pazienti non possono essere trovati, la capacità di eseguire test non significa molto. Qui entra in gioco l’infrastruttura della smart city. L’obiettivo è scoprire dove si trovano i pazienti e testare chiunque possa essere entrato in contatto con loro. Esistono tre modi principali per tenere traccia delle persone.

Innanzitutto, carte di credito e debito. La Corea del Sud ha la più alta percentuale di transazioni senza contanti al mondo. Quando si tracciano le transazioni, è possibile disegnare i movimenti di una persona.

In secondo luogo, i telefoni cellulari possono essere utilizzati per lo stesso scopo. Nel 2019, la Corea del Sud ha avuto uno dei più alti tassi di proprietà dei telefoni cellulari al mondo (ci sono più telefoni che persone). La posizione degli smartphone viene registrata automaticamente con la massima precisione, poiché i dispositivi sono collegati ai ricetrasmettitori in qualsiasi momento. E ci sono circa 860.000 ricetrasmettitori 4G e 5G in tutto il Paese. Fondamentalmente, le società di telecomunicazioni richiedono a tutti i clienti di fornire i loro nomi reali e numeri di identificazione. Ciò significa che è possibile tracciare quasi tutti seguendo la posizione dei loro dispositivi.

Infine, le telecamere a circuito chiuso consentono anche alle autorità di identificare le persone che sono venute in contatto con i pazienti con Covid-19. Nel 2014, le città della Corea del Sud avevano più di 8 milioni di telecamere a circuito chiuso – o una telecamera per 6,3 persone. Nel 2010, tutti sono stati ripresi in media 83,1 volte al giorno e ogni nove secondi.

È probabile che questi numeri siano molto più alti oggi. Considerando le dimensioni fisiche del Paese, è sicuro affermare che la Corea del Sud ha una delle più alte densità di tecnologia di sorveglianza al mondo.