coronavirus gamestop

Nonostante gran parte delle attività commerciali sono state chiuse per via del Coronavirus, i negozi GameStop sono ancora aperti – e anche molto impegnati.

Nel negozio GameStop di St. Matthews, a Louisville, le vendite quotidiane di solito oscillavano tra i $ 2.500 e $ 3.000, ha affermato il dipendente Chris Foster. Giovedì, le vendite hanno toccato i $ 6.300.

I dipendenti di GameStop sono stati autorizzati a pubblicare i nuovi giochi del mese “Doom Eternal” e “Animal Crossing: New Horizons”, che usciranno un giorno prima nel tentativo di controllare le folle.

La società ha annunciato che i negozi rimarranno aperti, ma avranno un orario rivisitato, e solo sei persone saranno autorizzate ad entrare contemporaneamente, inclusi due membri dello staff. Gli eventi sono stati annullati, c’è stata una sospensione temporanea di qualsiasi permuta di gioco usato e i servizi di consegna sono stati resi disponibili solo in varie località.

Secondo alcuni funzionari la catena di negozi GameStop dovrebbe essere “classificata come vendita al dettaglio essenziale”. In una dichiarazione rilasciata agli USA TODAY, la società ha affermato che, oltre ai prodotti di intrattenimento domestico, ha anche “una vasta gamma di prodotti e dispositivi che sono importanti per facilitare il lavoro a distanza, l’apprendimento a distanza e la connettività virtuale”.

coronavirus gamestop

ll mondo dei videogiochi non si ferma davanti alla pandemia

Nonostante i tanti prodotti, nel negozio di Louisville quello che va di più sono i gioch stessi.

Foster ha dichiarato di aver ricevuto circa 60 preordini per “Animal Crossing”. In meno di 20 minuti 12 persone sono entrate nel negozio per acquistare il gioco. Alcuni erano bambini in età scolare e i loro genitori effettuavano preordini. Le persone preferiscono acquistare la copia fisica di ogni gioco invece di scaricarli in digitale.

“Mi ricordo quando da bambino entravo in negozio, guardavo le custodie dei giochi e le giravo per leggere il retro”, ha riferito. “Certo puoi acquistare i giochi online, ma non è la stessa cosa. Voglio mantenere viva l’attività in negozio.”

Foster ha affermato di non essere preoccupato per le distanze precauzionali e di non avere lamentele sulla gestione del negozio. I segni del nastro sul pavimento indicano dove devono trovarsi le persone. Tutti i dipendenti che si sentono insicuri non devono recarsi al lavoro: possono rimanere a casa non retribuiti o prendere giorni senza alcuna penalità e senza essere licenziati.

Foster non è sorpreso dell’aumento delle vendite in questo periodo di pandemia dato che i videogiochi aiutano a rimanere a casa e ad evadere virtualmente da questa situazione.

Per ora, GameStop ha temporaneamente sospeso l’acquisto di giochi e console usati, ma con l’impossibilità di rifornimenti ora i negozi dipendono proprio da quei prodotti. Alcuni clienti che desideravano acquistare i joycon di Nintendo Switch non sono riusciti a trovarne di nuovi, ma solo usati.

GameStop, che ha 5.500 negozi in 14 paesi, ha dichiarato di essere conforme alle ordinanze statali, regionali, cittadine e locali e che si adatterà agli sviluppi futuri.