netflix youtube

Dato il soprendente traffico online dovuto al coronavirus, Netflix e YouTube ridurranno la qualità dello streaming in Europa per tutto il prossimo mese per impedire un collasso di Internet causato dall’intasamento del web.

Entrambe le società hanno affermato che le misure influenzeranno tutti i flussi video per 30 giorni. “Stimiamo che ciò ridurrà il traffico Netflix sulle reti europee di circa il 25% garantendo al contempo un servizio di buona qualità per i nostri membri”, ha dichiarato un portavoce di Netflix.

Un portavoce di Google, proprietario di YouTube, ha dichiarato: “Continueremo a lavorare con i governi e gli operatori di rete per ridurre al minimo lo stress del sistema, offrendo al contempo una buona esperienza”.

Le modifiche fanno seguito agli appelli dei funzionari dell’UE per i servizi di streaming e i singoli utenti di abbandonare i video ad alta definizione per impedire il collasso di Internet. Con così tanti paesi in blocco forzato per combattere la diffusione del virus, centinaia di milioni che lavorano da casa e ancora più bambini lontani dalle scuole, i funzionari sono preoccupati per l’enorme tensione su Internet.

Secondo Netflix la riduzione della qualità potrebbe essere percepita da alcuni utenti, mentre altri non vedranno alcun cambiamento. Anche Amazon ridurrà la qualità streaming del suo servizio Prime Video per aiutare a mitigare la congestione della rete.

netflix youtube

Il mondo diventa online e Internet è sotto pressione

La Commissione ha affermato che, sebbene vi sia stato un forte aumento dell’uso di Internet, finora non sono state segnalate interruzioni o effetti negativi. Funzionari dell’UE hanno dichiarato di istituire uno speciale meccanismo di segnalazione per monitorare il traffico Internet e rispondere ai problemi di capacità.

In una telefonata con i giornalisti, il CEO Mark Zuckerberg ha dichiarato che i servizi di Facebook stanno affrontando “grandi impennate” nell’uso mentre il coronavirus costringe milioni di persone in tutto il mondo a rimanere a casa.

Ha descritto l’aumento della domanda come “ben oltre” il principale picco annuale che si vede di solito alla vigilia di Capodanno. Le chiamate vocali e video su WhatsApp e Facebook Messenger, in particolare, sono più del doppio dei normali livelli.

Non è solo lo streaming video che sta mettendo a dura prova l’infrastruttura di Internet, ha affermato Kin K. Leung, professore di tecnologia Internet all’Imperial College di Londra. Con milioni di studenti che studiano e persone che lavorano da casa, il livestream delle lezioni e le videoconferenze stanno aumentando in modo esponenziale.

Così come le persone prendono provvedimenti per evitare contatti sociali o praticano una migliore igiene per aiutare a combattere la pandemia, dovrebbero anche pensare se hanno davvero bisogno di una lezione in livestream, ad esempio, piuttosto che registrarla, ha riferito Leung.

Cerchiamo dunque quando possibile di limitare la tensione della rete così da evitare un sovraccarico, soprattutto in tempi come questi.