coronavirus-superfici

Sicuramente ti sei imbattuto in diverse infografiche su Internet che hanno presentato alcuni dettagli sulla durata di SARS-CoV-2, il virus che ha causato la pandemia che tutti stiamo fronteggiando. Il nuovo coronavirus può vivere per 24 ore sul cartone e fino a tre giorni su plastica e acciaio inossidabile.

Detto questo, sembra una situazione davvero inquietante. Significa che dobbiamo urgentemente pulire ogni superficie che tocchiamo? Gli scienziati che hanno scritto il rapporto hanno chiarito che, invece di rimanere intatta, la quantità di virus scende drasticamente in poche ore sulla superficie in questione.

 

L’emivita di un virus

L’emivita di un virus, noto anche come il tasso di decomposizione, è il tempo impiegato per la morte di metà dei microbi in un dato campione, una misura che gli scienziati usano per scoprire quanto tempo durano i microbi sulle superfici.

Nel nuovo studio, gli scienziati hanno posto sulla plastica goccioline cariche di virus e ne hanno osservato l’evoluzione nel tempo. Dopo circa sette ore, metà del virus era sparita e metà della quantità rimasta è scomparsa altre sette ore dopo, e così via. Alla fine del secondo giorno, la popolazione rimanente era inferiore a 1/100 dell’importo complessivo e al terzo giorno i resti di virus erano appena rilevabili.

Quando hanno eseguito l’esperimento su altre superfici, hanno notato che l’emivita era più breve: sull’acciaio inossidabile si contavano da cinque a sei ore e sul cartone ancora più breve, registrando solo quattro ore. Tuttavia, la superficie su cui SARS-CoV-2 è sopravvissuto il minor tempo era di rame: solo 45 minuti. E qui va notato che il rame è un materiale noto da molto tempo per le sue proprietà antimicrobiche.

 

La quantità di virus è importante

Ma l’unica cosa che conta non è l’emivita del virus, ma anche la quantità, come ha detto il ricercatore della Princeton University Dylan H. Morris, che ha partecipato a questo studio. Succede che più virus vengono depositati su una superficie, maggiore è la quantità che rimarrà quando metà di essi sarà scomparsa. Quindi, se le gocce usate dagli scienziati per il loro esperimento fossero state più grandi, dopo tre giorni avrebbero sicuramente rilevato quantità ancora considerevoli, sebbene ovviamente più piccole di quelle iniziali. “Il tempo assoluto necessario affinché il virus non sia rilevabile dipende dalla quantità di virus inizialmente collocata“, ha concluso Morris.

Le condizioni ambientali hanno anche una certa influenza sulla sopravvivenza dell’agente patogeno sulle superfici. Ad esempio, l’esposizione alla luce solare e alle temperature più calde è probabile che si decomponga ancora più velocemente. “Solo perché un virus può essere identificato su una superficie non significa necessariamente che sia contagioso“, ha detto Gregory A. Poland, ricercatore di vaccini presso la Mayo Clinic di Rochester, nel Minnesota.

Senza dubbio, queste informazioni sono molto utili per quelle persone che hanno paura di toccare la posta fuori casa o qualsiasi altra superficie della strada le poche volte in cui si stanno permettendo di uscire. Tuttavia, ciò non significa che dovremmo mettere da parte i metodi raccomandati finora: evitare il contatto fisico con altre persone e lavarci le mani frequentemente sono le nostre migliori abitudini al momento.